Buona annata il 2000 per le assicurazioni private

Nonostante i danni causati dal maltempo in autunno, nel 2000 gli assicuratori privati hanno fatto buoni affari Keystone

Dopo un 1999 difficile, il settore assicurativo privato svizzero ha registrato una ripresa nel 2000. Il volume dei premi incassati a livello mondiale si è attestato a 146,5 miliardi di franchi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 gennaio 2001 - 18:09

Di tale somma, 48,4 miliardi, ossia il 33 percento, sono stati raccolti sul mercato elvetico e 64,6 miliardi (44 percento) nell'Unione europea. Lo ha indicato mercoledì l'Associazione svizzera d'assicurazioni (ASA).

Secondo le stime, negli affari diretti in Svizzera il volume dei premi è salito del 2 percento. Nel ramo vita la crescita ammonta al 2,3 percento (a 32 miliardi di franchi). Nel settore danni, nel 2000 gli affari hanno segnato il passo: secondo l'ASA, l'incremento ammonta soltanto all'1 percento. Solo 7 delle 77 compagnie che fanno parte dell'ASA sono attive all'estero.

Nella conferenza stampa di mercoledì, l'ASA ha affrontato il tema della revisione della legge sulla previdenza professionale, all'esame in questi giorni della competente Commissione del Nazionale. Le discussioni vertono sul tasso utilizzato per trasformare il capitale accumulato nel secondo pilastro in rendite annuali.

L'ASA è favorevole a una riduzione dal 7,2 al 6,65 percento del tasso di conversione, ha detto Roland Chlapowski, presidente del Comitato vita dell'ASA. Ma il periodo di transizione proposto dal Consiglio federale di 13 anni deve essere ridotto a 6 anni, secondo l'associazione.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo