Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Cresce la tensione fra Svizzera e Tunisia

Prima del WSIS, anche in Svizzera gli attivisti tunisini per i diritti umani avevano fatto lo sciopero della fame

(Keystone Archive)

Dopo l'incontro fra Micheline Calmy-Rey e quattro militanti tunisini per i diritti umani, la Tunisia ha denunciato l'«atteggiamento ostile» della Svizzera.

Giovedì sera, l'ambasciatore svizzero è stato convocato dal ministro degli esteri tunisino.

L'incontro fra la consigliera federale e i quattro attivisti tunisini per i diritti umani era avvenuto giovedì su richiesta dell'organizzazione non governativa (ONG) friburghese Vérité-Action ed era durato una ventina di minuti. Due di loro - gli avvocati Abderraouf Ayadi e Samir Dilou - avevano fatto uno sciopero della fame in occasione del Vertice mondiale sulla società dell'informazione (WSIS), svoltosi il mese scorso a Tunisi.

Durante l'incontro, i due avvocati avevano ringraziato la Svizzera per la posizione assunta al vertice. «Eravamo abituati al sostegno delle ONG elvetiche in favore del movimento per le libertà e i diritti umani in Tunisia. Ma questa volta è la Svizzera ufficiale che ha parlato di temi che irritano», aveva dichiarato l'avvocato Dilou al termine dei colloqui.

Stupore e rincrescimento tunisino

L'iniziativa svizzera non è piaciuta alle autorità del paese nord-africano: giovedì sera l'ambasciatore elvetico è stato convocato dal ministero degli esteri a Tunisi. Le discussioni sono state «franche e aperte», ha dichiarato venerdì Carine Carey, portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

«Le autorità tunisine esprimono il loro stupore e il loro più vivo rincrescimento per l'iniziativa della ministra elvetica», ha indicato venerdì una fonte del ministero tunisino degli esteri, citata dall'agenzia di stampa francese AFP.

Micheline Calmy-Rey evidenzia «un atteggiamento ostile mostrando un'ignoranza delle realtà politiche tunisine», ha aggiunto la medesima fonte. «Tale iniziativa rappresenta un gesto inopportuno e inammissibile mentre la Tunisia opera per preservare la qualità delle relazioni fra i due paesi», ha rincarato.

Interesse della Svizzera

Dal canto suo, il DFAE ha ripetuto che l'incontro fra la ministra degli esteri elvetica e i quattro tunisini era «l'espressione dell'interesse della Svizzera» per il rispetto dei diritti dell'uomo da parte degli Stati che si sono impegnati in tal senso attraverso la ratifica di trattati internazionali.

Micheline Calmy-Rey ha ricevuto i rappresentanti dell'ONG elvetica «così come ne riceve molti altri», ha precisato Carine Carey. Durante l'incontro, aveva assicurato che la Svizzera seguirà l'evoluzione della situazione in Tunisia.

Anche il presidente della Confederazione Samuel Schmid aveva denunciato, durante il suo discorso alla cerimonia d'apertura del WSIS, la violazione della libertà d'espressione nel paese nord-africano. La diffusione del suo discorso era stata immediatamente interrotta dalla televisione pubblica tunisina. Berna si era in seguito lamentata con la Tunisia per questo atto di censura.

swissinfo e agenzie

In breve

La seconda fase del WSIS si è svolta a Tunisi dal 16 al 18 novembre. La prima fase si era svolta a Ginevra nel 2003.

Il presidente svizzero Samuel Schmid è stato l'unico dei 27 capi di Stato presenti a Tunisi a criticare il mancato rispetto dei diritti umani da parte del regime del presidente Ben Ali.

Anche il ministro delle comunicazioni Moritz Leuenberger ha partecipato alla conferenza.

Leuenberger ha negato che le dichiarazioni di Schmid abbiano creato dei problemi diplomatici con le autorità tunisine.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×