Curling svizzero tinto d’argento

Parità dei sessi per gli svizzeri agli europei di curling: sia la squadra femminile sia quella maschile, infatti, hanno conquistato la medaglia d’argento ad Aberdeen, in Scozia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 dicembre 2009 - 18:52

Dopo il successo dello scorso anno in Svezia, le rossocrociate non sono riuscite bissare e conquistare per il secondo anno consecutivo il titolo europeo. Mirjam Ott, Jeanine Greiner, Carmen Küng e Carmen Schäfer quest’anno si sono dovute accontentare del secondo posto. In una finale in cui i pronostici le davano per favorite, le elvetiche sabato sono state piegate dalla Germania per 7:5. Quella stessa Germania che nella fase preliminare le svizzere avevano battuto per 10:2.

Un errore della skip Ott, che ha mancato il pareggio quando la sua squadra era in ritardo di un punto, sul 5:6, ha definitivamente affossato i sogni di un nuovo titolo europeo per le elvetiche.

Pure sconfitti in finale gli uomini svizzeri, che sono stati superati dalla Svezia per 5:6. La medaglia d’argento ha tuttavia un sapore più dolce per la squadra maschile rossocrociata. Il quartetto composto di capitan Ralph Stöckli, Jan Hauser, Markus Eggler e Simon Struebin, infatti, è alla prima medaglia in un torneo per un titolo internazionale.

La partita è stata ricca di emozioni. Dopo essersi trovati in svantaggio per 0:3, gli svizzeri sono riusciti a recuperare e a pareggiare, 4:4, nel 6° end. Gli avversari sono passati nuovamente in vantaggio all’8° end, per poi farsi riacciuffare dagli elvetici al 10°. Alla fine, però, gli svedesi sono usciti vittoriosi dall’extra end.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo