Navigation

Un futuro senza energia nucleare è possibile?

Shimo-Tsushima, zona di esclusione di Namie, 21 settembre 2017: una sopravvissuta al terremoto e allo tsunami che hanno colpito la regione di Fukushima l'11 marzo 2011. Keystone / Christian Aslund/greenpeace Hand

L'incidente nucleare di Fukushima dell'11 marzo 2011 ha segnato l'inizio della fine dell'atomo in Svizzera. Altri Paesi hanno invece deciso di investire in questa fonte di energia che secondo alcuni è necessaria per contrastare il riscaldamento globale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 marzo 2021 - 08:00

Fukushima è molto lontana dalla Svizzera e il Giappone è un Paese che affronta con serietà e professionalismo eventi di questo genere: questa è stata la prima reazione di Doris Leuthard, allora ministra dell'energia svizzera, al più grave disastro nucleare dopo Chernobyl.

Solo in un secondo tempo si è resa conto della gravità dell'incidente e del fatto che avrebbe avuto ripercussioni anche oltre le frontiere nipponiche, ricorda Leuthard in un'intervista al quotidiano romando Le TempsLink esterno pubblicata alcuni giorni fa.

Nessun effetto negativo sulla salute

Le emissioni radioattive causate dall'incidente alla centrale nucleare giapponese di Fukushima del 2011 non hanno prodotto effetti negativi sulla salute: è quanto risulta dal rapporto finale di un comitato di ricercatori delle Nazioni Unite, pubblicato martedì. Lo studio conferma in sostanza un precedente rapporto pubblicato nel 2013.

Secondo il Comitato Scientifico delle Nazioni Unite sulle conseguenze delle emissioni radioattive (UNSCEARLink esterno), il forte aumento del numero di tumori della tiroide nei bambini esposti è attribuibile a un miglioramento della tecnica di screening che ha rivelato "la prevalenza di anomalie non rilevate in precedenza".

GreenpeaceLink esterno afferma da parte sua che l'85% dell'area speciale di decontaminazione è ancora contaminato. L'organizzazione ambientalista accusa i governi che si sono succeduti negli ultimi anni in Giappone di aver ingannato il popolo, mistificando l'efficacia del programma di decontaminazione e ignorando i rischi radiologici.

End of insertion

Il 14 marzo 2011, tre giorni dopo l'incidente di Fukushima, sono state sospese le domande per la costruzione di nuove centrali nucleari in Svizzera. E due mesi più tardi, il governo a maggioranza femminile ha deciso l'abbandono graduale dell'energia nucleare.

Una svolta confermata dal popolo elvetico nel maggio 2017, quando la nuova strategia energetica 2050 - che oltre allo sviluppo delle rinnovabili prevede per l'appunto la disattivazione degli impianti nucleari al termine del loro ciclo di vita - è stata accolta alle urne da quasi sei votanti su dieci.

L'impianto più vecchio del mondo è ancora attivo

Il primo dei cinque reattori della Svizzera è stato disattivato alle fine del 2019, con la chiusura della centrale di Mühleberg, nel Canton Berna. Lo smantellamento e la decontaminazione del sito dovrebbero durare una quindicina di anni.

Gli altri quattro impianti, tra cui quello di Beznau nel Canton Argovia, il più vecchio del mondo, dovrebbero continuare a fornire elettricità negli anni a venire, finché saranno considerati sicuri dall'Ispettorato federale della sicurezza nucleare.

Nel 2019, l'atomo è stato all'origine del 19% dell'elettricità consumata in Svizzera, contro una quota di circa il 10% a livello mondiale.

Un pianeta con 443 reattori nucleari

Contrariamente alla Svizzera o alla Germania, che chiuderà tutte le sue centrali entro la fine del 2022, alcuni Paesi hanno deciso di intraprendere la via del nucleare dopo il disastro di Fukushima. Tra questi la Turchia, gli Emirati Arabi Uniti, la Bielorussia e il Bangladesh. Quasi la metà dei nuovi reattori costruiti nel mondo nel periodo 2011-2020 sono stati realizzati in Cina, secondo quanto riportato dall'agenzia Keystone-ATS.

Contenuto esterno

I reattori attualmente attivi nel mondo sono 443 (erano 429 a fine 2010). Stati Uniti, Francia e Cina sono i Paesi con il più alto numero di impianti.

Contenuto esterno

Nucleare per salvare il pianeta

Oltre ai problemi legati alla sicurezza e alle scorie radioattive, il nucleare deve far fronte alla concorrenza delle energie rinnovabili, sempre più a buon mercato. Dal 2009, i costi dell'eolico e del solare si sono ridotti rispettivamente del 70% e dell'89%Link esterno, mentre quelli del nucleare sono cresciuti del 33%.

Ciononostante, l'atomo continua a suscitare interesse. Per i suoi sostenitori, si tratta di una fonte d'energia che genera poche emissioni di CO2 e che è controllabile. Può infatti essere sfruttata in funzione dei bisogni, a differenza del vento o del sole.

Fatih Birol, direttore generale dell'Agenzia internazionale dell'energia, sostieneLink esterno che il nucleare è parte integrante della transizione energetica, così come Bill Gates, che con la sua azienda TerraPower prevede di costruire centinaia di mini centrali nucleari di quarta generazioneLink esterno. Queste sarebbero raffreddate da sodio liquido e verrebbero integrate alla produzione di energia rinnovabile.

L'idea di Bill Gates è buona, sebbene comporti anch'essa dei rifiuti radioattivi, commenta Michael Prasser, professore al Politecnico federale di Zurigo ed esperto di energia nucleare.

Considerando l'enorme capacità di stoccaggio necessaria per lo sviluppo delle rinnovabili, e il conseguente aumento della domanda di materie prime quali cobalto e litio, non si potrà rinunciare all'atomo, sostiene Prasser. Per il professore, "se vogliamo preservare la Terra, dobbiamo sfruttare anche l'energia atomica".

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.