BSI sotto inchiesta penale, ordinato scioglimento

La BSI ha provocato uno shock nel mondo bancario svizzero: l'Autorità di sorveglianza dei mercati finanziari (FINMA) ha deciso che la storica banca ticinese dovrà essere sciolta, a causa di affari poco trasparenti legati al fondo sovrano malese 1MDB (1Malaysia Development Berhad).

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2016 - 16:25
swissinfo.ch e tvsvizzera.it

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha aperto un procedimento penale contro l'istituto. La banca centrale di Singapore ha inoltre ordinato la cessazione delle attività di BSI nel Paese asiatico.

La banca è in particolare accusata di controlli carenti riguardo al riciclaggio di denaro. "Un'eccessiva fame di rischio e irragionevolezza hanno portato alla fine di una banca", ha dichiarato il direttore della FINMA Mark Branson in una teleconferenza, specificando che la BSI era già stata avvisata dalle autorità nell'autunno del 2013, per iscritto, del rischio di riciclaggio e corruzione.

Nonostante il chiaro avvertimento, i quadri dirigenti hanno deciso di continuare gli affari più dubbi, ha detto Branson. "Noi, così come i nostri colleghi di Singapore, siamo arrivati alla conclusione che la banca doveva essere sciolta", ha dichiarato ancora Branson.

La BSI potrà essere acquisita, come previsto, dalla EFG International, a condizione che venga integrata completamente e poi sciolta entro dodici mesi. L'istituto verrà integrato in una realtà con funzioni di controllo efficaci. Nessuno dei quadri dirigenti della BSI sotto accusa potrà entrare in una posizione chiave nella EFG International.

Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo