Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Credit Suisse rischia di perdere soldi nel primo trimestre

Brady Dougan, amministratore delegato di Credit Suisse, ritiene che la banca rimanga «ben posizionata»

(Keystone)

La seconda banca svizzera ha avvertito giovedì che nel primo trimestre del 2008 rischia di scivolare nelle cifre rosse. Le cause: la diminuzione del valore degli attivi e le difficili condizioni dei mercati.

I controlli interni hanno inoltre rivelato che alcuni agenti della banca avrebbero sovrastimato volontariamente il valore di alcune posizioni.

Dopo i forti contraccolpi subiti dall'UBS in seguito alla crisi dei subprime negli Stati Uniti, anche il Credit Suisse è preso nel vortice. Se in febbraio la seconda banca svizzera ancora prevedeva cifre nere per il primo trimestre 2008, giovedì ha comunicato di aver rivisto al ribasso l'ammontare delle svalutazioni.

Al termine della rivalutazione di alcuni titoli nell'ambito della compravendita dei CDO (collaterized debt obligations), questi ammontano ora a 2,86 miliardi di franchi contro i 3,1 miliardi annunciati in febbraio.

I correttivi si ripartiscono nella misura di 1,18 miliardi sul quarto trimestre del 2007 e di 1,68 miliardi sul primo trimestre 2008. Alla luce di questi nuovi elementi, è improbabile che il primo trimestre 2008 si concluda in maniera positiva, ha avvertito il Credit Suisse.

Utile 2007 al ribasso

Anche l'utile netto per il 2007 è stato rivisto al ribasso. Ora si situa su 7,8 miliardi di franchi, con una diminuzione del 6% rispetto al 2006. Un mese fa, presentando i suoi risultati, la banca aveva calcolato un profitto netto di 8,5 miliardi di franchi in aumento del 3% rispetto all'anno precedente.

Il Credit Suisse se la cava tuttavia meglio dell'UBS. La prima banca svizzera ha registrato l'anno scorso la prima perdita della sua storia, pari a 4,4 miliardi di franchi.

«Non è l'uovo di Pasqua che ci aspettavamo, ma almeno non ci sono nuove sorprese, si tratta piuttosto di un rapporto dettagliato sui problemi di valutazione dei risultati del 2007», scrivono gli analisti della banca Wegelin in una nota a proposito dell'annuncio di Credit Suisse.

Agenti scorretti

La verifica ha permesso di scoprire degli errori di pricing e delle irregolarità intenzionali da parte di alcuni agenti della banca, ha rivelato il Credit Suisse. Le persone coinvolte sono state licenziate o sospese.

Queste rivelazioni dimostrano che i controlli destinati a scoprire le irregolarità non hanno funzionato. Per questo saranno introdotte nuove misure di sicurezza.

Denunciando in una conferenza telefonica le irregolarità riscontrate, il CEO della banca Brady Dougan ha tuttavia voluto essere rassicurante. A suo avviso la banca è ben posizionata nonostante l'ambiente difficile e volatile in cui è costretta a muoversi dall'anno scorso.

Gli affari nel settore private banking continuano ad andare bene. «Siamo una delle banche con la miglior capitalizzazione del mondo e la nostra strategia finanziaria è conservatrice», ha detto Dougan.

Azioni in caduta libera

Nonostante queste informazioni rassicuranti, i titoli del Credit Suisse hanno subito forti perdite nella mattinata di giovedì nella Borsa svizzera. All'apertura le azioni della banca hanno perso il 5,4% rispetto alla vigilia, a fine mattinata avevano lasciato per strada il 10,46% del loro valore.

swissinfo e agenzie

Salari più bassi per i dirigenti

I dirigenti del Credit Suisse hanno ricevuto l'anno scorso meno soldi. In media, ogni membro della direzione ha ricevuto 12,5 milioni di salario contro i 19,1 milioni dell'anno prima, si legge nel rapporto d'attività pubblicato giovedì.

Le remunerazioni dei dirigenti della banca hanno raggiunto in totale i 162,1 milioni di franchi. Brady Dougan, CEO di Credit Suisse dal maggio scorso, ha ricevuto 22,3 milioni di franchi: 3,4 milioni sono stati versati in liquidi, il resto sotto forma di azioni.

Un paragone con il suo predecessore Oswald Grübel non è possibile poiché nel 2006 la banca non ha pubblicato separatamente la retribuzione dell'amministratore delegato. Gli allora otto membri della direzione (ora sono 13) si erano spartiti 153 milioni di franchi.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×