Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Il Credit Suisse meno peggio dell'UBS

Anche per il Credit Suisse il 2008 è stato l'anno peggiore della sua lunga storia

(Keystone)

Il Credit Suisse ha chiuso il 2008 con una perdita di 8,22 miliardi di franchi, di cui 6,02 miliardi sono stati accumulati nel solo quarto trimestre. Il passivo è nettamente inferiore a quello annunciato martedì dall'UBS, ma comunque peggiore alle previsioni avanzate da molti analisti.

Decisamente in rosso, come prevedibile, l'Investment Banking, che sull'intero esercizio ha subito una perdita ante imposte di 14,183 miliardi, contro un utile di 3,649 miliardi nel 2007. I ricavi netti sono risultati negativi per 1,835 miliardi a fronte di ricavi positivi per 18,958 miliardi del 2007. Nel quarto trimestre la perdita è stata di 7,779 miliardi.

Il Private Banking, che comprende le attività di Wealth Management e Corporate & Retail Banking, ha registrato invece un utile ante imposte di 4,209 miliardi per l'intero 2008, in calo del 23% rispetto al 2007. I ricavi netti sono diminuiti del 5%.

Nel quarto trimestre, l'utile ante imposte è sceso a 876 milioni, in flessione del 36% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, mentre i ricavi netti sono diminuiti del 10%.

Solida base di capitale

"I risultati per l'intero esercizio sono chiaramente deludenti, ma abbiamo iniziato il 2009 con una base di capitale molto robusta", ha dichiarato l'amministratore delegato dell'istituto bancario Brady W. Dougan in un comunicato pubblicato mercoledì.

Alla fine del 2008, la quota di capitale di base si attestava al 13,3%, considerato uno degli indici di capitalizzazione più solidi per quanto concerne le grandi banche internazionali.

Il Credit Suisse ha inoltre indicato di aver registrato nel Private Banking un afflusso di nuovi capitali pari a 50,9 miliardi durante l'esercizio scorso. Tenendo conto di tutti i settori di attività è risultato un deflusso di fondi della clientela pari a 3 miliardi di franchi, contro gli oltre 220 miliardi annunciati martedì dall'UBS.

Il patrimonio amministrato dal gruppo ammontava a 1106,1 miliardi a fine anno, con una diminuzione del 24,4% rispetto al 2007. La flessione, spiega la banca, è da attribuire prevalentemente a movimenti di mercato e valutari sfavorevoli, al deflusso netto di capitali nell'Asset Management e alla chiusura di alcuni fondi USA del mercato monetario.

Pronostici favorevoli

I pronostici per l'esercizio in corso sono definiti favorevoli dalla grande banca. "Abbiamo fatto registrare un ottimo inizio del 2009, con risultati redditizi in tutte le divisioni", ha indicato Brady W Dougan.

Nel corso dell'ultima gestione, il Credit Suisse ha ulteriormente ridotto i rischi complessivi nell'Investment Banking. Rispetto alla fine del terzo trimestre 2007, le posizioni illiquide legate ai prodotti strutturati sono diminuite dell'87% a fine 2008, rispetto alla fine del terzo trimestre 2007.

"La nostra attività di Investment Banking si presenta ora più snella e più efficiente in termini di capitale, con un profilo di rischio più basso", ha aggiunto l'amministratore delegato della banca elvetica.

Il Consiglio di amministrazione proporrà all'Assemblea generale degli azionisti del 24 aprile 2009 un dividendo in contanti per azione di CHF 0.10 per l'esercizio 2008, rispetto al dividendo in contanti di CHF 2.50 per azione attribuito per l'esercizio 2007.

swissinfo e agenzie

Credit Suisse

Fondato nel 1856, Il Credit Suisse Group è la seconda banca elvetica in ordine di grandezza, dietro all'Unione di Banche Svizzere (UBS).

Insieme, i due leader del settore realizzano oltre la metà del bilancio totale di tutte le banche elvetiche e contribuiscono a circa il 10% del prodotto interno lordo del paese.

Alla fine del 2008, il Credit Suisse dava lavoro a circa 47'800 persone in oltre 50 paesi, di cui 19'700 in Svizzera.

La banca ha annunciato alla fine dell'anno scorso una riduzione degli effettivi dell'11%, pari a 5'300 posti di lavoro. La metà di questi impieghi, che concernono soprattutto l'Investment Banking, sono già stati soppressi nel 2008.

Fine della finestrella

Risultati 2008

Perdita netta
Credit Suisse 8,2 miliardi di franchi
UBS 19,7 miliardi

Deflusso di capitali
Credit Suisse 3 miliardi
UBS 226 miliardi

Patrimonio amministrato
Credit Suisse 1'106 miliardi
UBS 2'015 miliardi

Base di capitale proprio
Credit Suisse 13,3%
UBS 11,5%

Fine della finestrella
(swissinfo.ch)


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×