L'industria svizzera soffre la domanda insufficiente

La domanda inadeguata causata dalla recessione economica costituisce il maggior cruccio per l'industria svizzera. La questione delle restrizioni dei crediti è meno preoccupante, stando ad un'inchiesta effettuata dall'istituto di ricerca KOF.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 agosto 2009 - 14:53

I problemi di finanziamento vengono evocati soltanto dal 10% delle imprese del settore secondario, afferma il sondaggio pubblicato venerdì dal Centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo (KOF).

Quasi il 60% dei responsabili interrogati menziona invece le conseguenze della crisi per spiegare il rallentamento dell'attività. Le mancanza di manodopera qualificata e l'insufficiente capacità di produzione, invece, non figurano più fra i fattori ritenuti penalizzanti.

L'inchiesta è stata condotta in luglio e agosto presso 11'000 società nei settori dell'industria, dell'edilizia e dei servizi.

swissinfo.ch e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo