Navigation

Un prodotto svizzero fa il giro del mondo

Design elegante: sacchetti per il "mal di viaggio" di Alitalia e Air Afrique Eliane Häfliger

È un compagno di viaggio poco amato, il sacchetto per il vomito. L'azienda leader mondiale nella sua produzione è la svizzera Elag, con sede nel canton Berna. Un libro presenta i modelli più belli.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 giugno 2020 - 11:04
Sara Aurelia Eggel (immagini)

Fredy Thürig, collezionista svizzero di sacchetti per il vomito, ne possiede circa 2000 esemplari. La sua collezione è ora celebrata da una pubblicazione dal titolo "Für ReisekrankeLink esterno" (Per chi soffre di nausea da viaggio). Le pagine del libro ripercorrono 45 anni di storia della grafica e dell'aviazione, con immagini a colori di sacchetti provenienti da tutto il mondo, dalle American Airlines a Air Nepal.

La grafica di alcuni sacchetti è funzionale, altri permettono ai passeggeri di sfuggire alla noia, distraendosi con un gioco di strategia. Negli anni Ottanta andavano per la maggiore i sacchetti a doppio uso: se non erano usati per necessità più spiacevoli, potevano servire a spedire in laboratorio le foto delle vacanze.

Le compagnie low cost dal canto loro tendevano a incoraggiare i loro clienti, con commenti come "Andrà tutto bene" o "Grazie per le vostre critiche".

Quel che entra a volte deve anche uscire

Gli autori del libro hanno accompagnato i sacchetti con la rispettiva offerta gastronomica della compagnia aerea. Su tratte brevi bastano degli spuntini: "Biscotti al burro con succo d'arancia", mentre le tratte più lunghe in business class propongono "un raffinato menu di quattro portate con il vino adatto".

​​​​​​​

I sacchetti per il vomito dell'azienda svizzera con design individuale sono stati utilizzati da oltre 100 compagnie aeree. La scelta di produrre i sacchetti è quindi stata vincente. La ElagLink esterno fu fondata nel 1956 da Robert Elsässer, che investì in nuove varietà di carta e in nuove tecniche di piegatura e incollatura, che permisero di realizzare sacchetti particolarmente resistenti.

I sacchetti flessibili erano un'ottima alternativa ai barattoli di latta o alle scatole di cartone usate in precedenza. Necessitano di meno posto, sono più leggeri, la loro produzione richiede meno energia e causano meno rifiuti.

La Elag lanciò il suo sacchetto nel 1974, scegliendo il formato 125x80x237mm, che divenne uno standard internazionale e che caratterizza ancora oggi il mercato degli "airsickness bags". Ogni anno vengono messi in circolazione 75'000 milioni di sacchetti.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.