Xstrata si espande nel platino

L'appetito di Xstrata sembra inarrestabile: il gruppo minerario zughese vuole rilevare il terzo maggior produttore di platino al mondo, Lonmin, per 10 miliardi di dollari in contanti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 agosto 2008 - 08:50

In una nota diramata mercoledì, Xstrata spiega che intende così espandere le attività nel settore del platino e diversificare il proprio portafoglio. Nato dall'impero di Marc Rich, il gruppo minerario è cresciuto negli ultimi anni soprattutto grazie a rilevamenti

Xstrata, che ha già acquisito una quota dell'8,03% di Lonmin, offre 33 sterline per azione, con un premio del 42% rispetto alla chiusura di martedì in Borsa.

Attiva in Sudafrica, Lonmin negli ultimi due anni è stata confrontata a numerose difficoltà operative e la sua azione è fortemente calata.

Nel primo semestre 2008 Xstrata ha conseguito un utile netto (ecluse le attività abbandonate e voci straordinarie) 2,83 miliardi di dollari, in rialzo del 2%, superamdo le attese degli analisti che prospettavano circa 2,65 miliardi. L'utile operativo (Ebit) è invece sceso del 4% a 4,51 miliardi. Il giro d'affari ha segnato una crescita del 13% a 16,09 miliardi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo