Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Fabian Cancellara trionfa alla Milano-Sanremo

Cancellara può alzare le braccia al cielo per la quinta volta in stagione

(Keystone)

Con un perentorio allungo a due chilometri dall'arrivo, lo svizzero è riuscito ad aggiudicarsi la 99esima edizione della Classicissima di Primavera.

Era dal 1987 – quando si impose Eric Mächler – che un ciclista elvetico non riusciva a vincere la Milano-Sanremo.

La stagione delle grandi classiche si è aperta col botto per il ciclismo svizzero: dopo aver fatto sua pochi giorni fa la Tirreno-Adriatico, Fabian Cancellara, 27 anni, ha trionfato anche a Sanremo.

Al secondo posto, staccato di tre secondi, ha concluso l'italiano Fabio Pozzato, al terzo il belga Philippe Gilbert e al quarto il sempreverde Davide Rebellin.

La corsa più lunga

In quella che è la più lunga delle corse di un giorno – ben 298 chilometri quest'anno, il percorso è stato allungato di quattro chilometri – il bernese ha beffato tutti a due chilometri dall'arrivo.

Coi primi sulla salita del Poggio, Cancellara ha fatto parlare la sua potenza quando la strada è rimpianata.

Nessuno aveva più le gambe per reagire alla 'sparata' dell'elvetico, che è così riuscito ad involarsi verso la vittoria. Una vittoria che mancava al ciclismo svizzero dal 1987, quando Eric Mächler riuscì a tagliare per primo il traguardo sul lungomare di Sanremo.

"Era il mio sogno, ci vorrà un po' di tempo affinché realizzi cosa sono riuscito a fare", ha dichiarato l'elvetico, "l'ultimo ad aggiudicarsi la Sanremo in questo modo era stato Tchmil nel 1999; ma lui aveva fatto 800 metri, io due chilometri". Per Rebellin, "oggi contro un Cancellara così non c'era proprio nulla da fare".

Fuga di 250 km

La classica si è svolta sotto un cielo molto più clemente di quanto previsto. Una lunga fuga ha contraddistinto gran parte della corsa: lo statunitense William Frischkorn, il lettone Raivis Belohvosciks e l'italiano Nicola D'Andrea sono partiti poco dopo la partenza e sono stati raggiunti a 26 chilometri dall'arrivo, sulla salita della Cipressa.

In seguito hanno tentato di attaccare Bettini e lo svedese Lövkvist, ai quali si sono poi aggiunti Rebellin, Axelsson e Savoldelli. I cinque sono riusciti a guadagnare una trentina di secondi sul gruppo, che è però riuscito ad operare il ricongiungimento ai piedi del Poggio.

Grazie a questa vittoria, Fabian Cancellara diventa il grande favorito anche dei due prossimi grandi appuntamenti del calendario: il Giro delle Fiandre, in programma il 6 aprile, e la Parigi-Roubaix, che si correrà il 13 aprile.

swissinfo e agenzie

Le principali vittorie

Fabian Cancellara è nato il 18 marzo 1987 a Berna. La sua famiglia è di origini italiane.

Oggi membro della squadra CSC, Cancellara ha iniziato la sua attività professionistica nel 2001, mettendosi subito in luce per le sue qualità di passista e di specialista delle cronometro.

Nel 2004 la prima grande vittoria: primo nel prologo del Tour de France e per due giorni maglia gialla.

Nel 2006 conquista la Parigi-Roubaix e fa suo il Mondiale a cronometro.

Nel 2007 diventa per la seconda volta Campione del mondo a cronometro e vince il prologo e la terza tappa del Tour de France.

Quest'anno il ciclista elvetico si è già aggiudicato la Tirreno-Adriatico.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×