Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Gli svizzeri tra i più connessi

Comunicare con le nuove tecnologie: ormai un'abitudine per gli svizzeri

(swissinfo.ch)

Gli svizzeri sono particolarmente attratti dalle nuove tecnologie di telecomunicazione.

Il mercato dei cellulari è ormai piuttosto saturo ma, segnala la Commissione federale della comunicazione, lo scorso anno il numero di connessioni internet a banda larga è raddoppiato.

Da quando nel 1998, il mercato svizzero delle telecomunicazioni si è aperto alla concorrenza, i vantaggi sono stati molteplici: per la popolazione e per le aziende.

Lo indica la Commissione federale delle comunicazioni (ComCom) nel suo rapporto d'attività per il 2003.

Stando alla ComCom, se rapportato al suo volume, il mercato elvetico si situa oggi al settimo posto in Europa, subito dopo i sei Paesi più popolosi dell'UE.

Malgrado anni difficili dal punto di vista economico, che non hanno risparmiato le telecom, il mercato svizzero continua a progredire ad un ritmo molto più elevato rispetto al Prodotto interno lordo.

“Gli svizzeri acquistano volentieri prodotti delle nuove tecnologie”, rileva Peter Fischer, vice-direttore dell’Ufficio federale delle comunicazioni.

“Da una parte perché dispongono di un potere d’acquisto elevato, dall’altro perché l’economia nazionale è orientata ai servizi e alle esportazioni: settori che necessitano di telecomunicazioni”.

“Nel 2003, la cifra d'affari totale sul mercato svizzero delle telecomunicazioni si è aggirata attorno ai 15 miliardi di franchi”, dice a swissinfo Fulvio Caccia, presidente della ComCom.

Liberalizzazione positiva

Sulla base di questi dati, la ComCom ritiene che il processo di liberalizzazione del settore sia da considerare un successo.

I prezzi, soprattutto nei primi anni, sono fortemente diminuiti. L’offerta si è notevolmente ampliata ed il servizio pubblico continua ad essere garantito in tutto il paese.

Il bilancio è positivo pure dal punto di vista economico. Per la ComCom, "tanto gli investimenti dei nuovi fornitori e di Swisscom, quanto il fatturato complessivo del settore hanno superato di gran lunga le aspettative di sei anni fa".

Telefonia mobile: assestamento

L'espansione delle telecomunicazioni si riflette nelle cifre pubblicate dalla ComCom, ad esempio per quel che riguarda la telefonia mobile. La penetrazione nel mercato era a fine 2003 dell'84%, ossia il 5% in più dell'anno precedente.

La Svizzera è nella media europea. Dal 2000 l'incremento annuale è tuttavia in calo, contrariamente alla Svezia dove la penetrazione nel mercato supera ormai il 100% (100,1).

In Europa, le società leader nel settore della telefonia mobile continuano a rimanere le ex aziende pubbliche. La Svizzera non fa eccezione: pur perdendo l'1,5% del mercato, Swisscom rimane al primo posto con il 61,8% (fine 2003).

Il resto del mercato se lo contendono Sunrise (20,5%) e Orange (17,7%). Rispetto ai suoi maggiori concorrenti, fa notare la ComCom, Swisscom gode in Svizzera di una posizione di maggior forza sul mercato domestico della telefonia.

Boom della banda larga

Il sistema ADSL ha fatto segnare un vero boom. Dopo un inizio titubante nel 2000 e un leggero incremento nei due anni seguenti, nel 2003 vi è stato il sorpasso: la quota di mercato del sistema ADSL attraverso la rete Cablecom ha raggiunto il 58,8%, mentre il sistema tradizionale modem è al 41,2%.

Nel corso dell'ultimo anno il numero di collegamenti ADSL è raddoppiato fino a raggiungere quota 850’000. Dopo la Svezia, la Svizzera fa segnare gli incrementi annuali più elevati in questo settore, nel quale la penetrazione sul mercato è dell'11,5%.

A livello mondiale la Confederazione occupa l'ottavo posto. La Corea del sud guida la classifica col 25%.

Nonostante l'evoluzione positiva, ComCom ricorda di aver nuovamente chiesto ai poteri pubblici la liberalizzazione dell'ultimo miglio. Ciò permetterà di mettere in concorrenza servizi e infrastrutture.

swissinfo e agenzie

In breve

Nel 2003, la cifra d'affari globale sul mercato svizzero delle telecomunicazioni si è aggirata attorno ai 15 miliardi di franchi.

A fine 2003, l’84% degli svizzeri possedeva un cellulare (2002: 79%).

Nella telefonia mobile, l’ex monopolio pubblico di Swisscom mantiene una quota di mercato del 61.8%, Sunrise e Orange seguono con il 20.5%, rispettivamente il 17.7%.

Nel corso dell’ultimo anno, il numero di connessioni a banda larga è raddoppiato.

Fine della finestrella


Link

×