Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Lo "Chef dell'anno" è un grigionese

I critici sono rimasti affascinati dalle "creazioni armoniche e ponderate" di Andreas Caminada

La guida gastronomica Gault Millau Svizzera ha eletto Andreas Caminada "Cuoco dell'anno 2008". Il giovane chef gestisce con la sua compagna l'albergo Schloss Schauenstein di Fürstenau, nel canton Grigioni.

La ristrettissima cerchia di star della cucina premiate con 19 punti su un massimo di 20 conta sette cuochi, cinque dei quali lavorano nella Svizzera romanda.

I critici di Gault Millau sono rimasti stregati dalle "creazioni armoniche e ponderate", con cui il 30enne Andreas Caminada delizia occhi e palato dei suoi clienti. La guida gli ha attribuito una nota eccellente: 18 punti sui 20 possibili.

Caminada ha alle spalle una carriera-lampo. Nel 2005 era stato segnalato nella guida come "scoperta dell'anno" con 15 punti. L'edizione 2006 gliene aveva attribuiti 16, quella seguente 17, ha comunicato lunedì Gault Millau Svizzera. È stato allievo di cuochi di spicco come Beat Bolliger, Hans-Peter Hussong e Claus-Peter Lumpp.

Dalla fine del 2003 gestisce assieme alla sua compagna Sieglinde Zottmeier l'albergo-castello Schauenstein di Fürstenau, nella Domigliasca (Grigioni), che dispone di appena 24 posti nel ristorante e sei camere e suites d'albergo. Il grigionese privilegia prodotti di alta qualità che elabora giocando sulle tecniche di cottura, le temperature e le consistenze, si legge nella nota.

Le altre onoreficenze

La guida informa inoltre che i cuochi con 19 punti sono ancora sette, dopo che Roland Pierroz ha ceduto il suo ristorante "Rosalp" di Verbier, nel canton Vallese. Dieci nuovi chef hanno fatto la loro entrata nel gruppo dei 17-20 punti, tra cui Othmar Schlegel del "Castello del Sole" di Ascona. La struttura è già stata eletta albergo dell'anno.

Gault Millau attribuisce anche altre onoreficenze, come quella di "sommelier dell'anno", andata a Yvan Letzter del "Chesery" di Gstaad, nel canton Berna, mentre il riconoscimento di "Cigarman dell'anno" va a Markus Gass dell'"Adler" di Hurden (Svitto) che ha anche 17 punti come cuoco.

Il miglior chef svizzero all'estero è Daniel Humm, dell'"Eleven Madison Park" di New York. Scoperta dell'anno 2002, dopo aver conquistato San Francisco entusiasma ora Manhattan a capo di una squadra di 45 cuochi.

L'edizione 2008 del Gault Millau 2008 conta 72 nuovi indirizzi per un totale di 794. Novanta ristoranti hanno guadagnato un o più punti, mentre 49 cuochi ne hanno perso uno.

swissinfo e agenzie

In breve

Ideato dai due esperti di gastronomia Henri Gault e Christian Millau, i cappelli di Gault Millau sono, insieme alle stelle Michelin, i premi più importanti attribuiti ai chef di ristoranti in ambito di Haute Cuisine.

Quattro cappelli sono la massima onorificenza. Il sistema Gault Millau è basato su un sistema a punti. Il punteggio massimo – 20 punti – non è finora mai stato raggiunto in Svizzera, in Germania e in Austria. Il quarto cappello è attribuito a partire dai 19 punti.

Per i ristoranti elvetici, tedeschi ed austriaci esistono edizioni locali della guida Gault Millau.

Fine della finestrella

I re svizzeri della cucina

Quest'anno nessun nuovo cuoco è riuscito ad entrare nella ristretta rosa di coloro a cui i critici hanno attribuito 19 punti. Frau questi non si annovera più Roland Pierroz di Verbier (Vallese), che ha ceduto il suo ristorante Rosalp.

I sette cuochi insigniti di quattro cappelli per il 2008 sono: Gérard Rabaey (Brent/Vaud), Philippe Rochat (Crissier/Vaud), Bernard Ravet (Vufflens-le-Château/Vaud), Philippe Chevrier (Satigny/Ginevra), Didier de Courten (Sierre/Vallese), Horst Petermann (Küssnacht/Zurigo) e André Jaeger (Sciaffusa).

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×