"Senza un corpo è impossibile cominciare un lutto"

Missionario clarettiano, laureato in filosofia, teologia e sociologia, Padre Henry Ramirez Soler è arrivato a Medellín del Ariari ad appena 22 anni. Era il 1996, una delle epoche più dure del conflitto, e da allora si è sempre battuto a fianco delle vittime per ottenere verità e giustizia. La sua esperienza è tra l'altro servita come spunto per l'elaborazione di una strategia di ricerca dei "desaparecidos" durante i negoziati di pace a l'Avana. swissinfo.ch lo ha accompagnato per diversi giorni nella sua attività pastorale e a difesa dei diritti umani. (Ricardo Torres e Stefania Summermatter)

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 aprile 2018 - 11:00
Stefania Summermatter e Ricardo Torres, Medellín del Ariari

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo