Navigation

Skiplink navigation

Un corpo che sta stretto

L’urbanista Nina Steiger è da poco ufficialmente iscritta come donna nel registro anagrafico. Per 54 anni è stata Ueli. Dopo un lungo processo, costellato da discriminazioni varie, un sogno si è trasformato in realtà. Ritratto.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 gennaio 2013 - 16:01

Con il termine ‘transgender’ si definiscono quelle persone che non si riconoscono o non vogliono sentirsi racchiuse nel loro sesso biologico. A volte, per sentirsi in sintonia con la propria identità di genere, ricorrono a cure ormonali o si sottopongono ad interventi chirurgici. Nina Stieger collabora con l’Associazione Transgender Network Switzerland per migliorare la situazione giuridica e sociale di queste persone, troppo spesso ancora stigmatizzate.
(Thomas Kern, Patricia Islas e Daniel Wihler, swissinfo.ch)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo