Nomina a sorpresa alla testa delle FFS

Andreas Meyer nuovo direttore delle FFS Keystone

Il consiglio d'amministrazione delle Ferrovie federali svizzere ha designato Andreas Meyer nuovo direttore generale. Succederà a Benedikt Weibel dal gennaio 2007.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 giugno 2006 - 16:27

Considerato un outsider, attualmente è dirigente alla Deutsche Bahn. L'ha spuntata sul favorito Paul Blumenthal, direttore della divisione traffico passeggeri delle FFS.

Si chiama Andreas Meyer il nuovo presidente della direzione delle FFS. Il consiglio di amministrazione delle Ferrovie federali lo ha nominato venerdì a sorpresa alla successione di Benedikt Weibel, che si ritira a fine anno.

Basilese, 45 anni, Meyer dall'aprile del 2005 è membro della direzione della Deutsche Bahn (DB). Nella corsa era dato per favorito Paul Blumenthal, direttore della divisione traffico passeggeri delle FFS e già membro della direzione delle Ferrovie federali.

Il presidente della Confederazione e ministro dei trasporti Moritz Leuenberger si è rallegrato della scelta di Meyer, di cui ha "piena fiducia".

Positiva anche la reazione dell'Unione dei trasporti pubblici (VöV). Secondo Peter Vollmer, presidente del VöV e consigliere nazionale socialista, Meyer è una buona scelta.

Grazie alle sue conoscenze in campo tecnico, del marketing e del trasporto sulle corte distanze, darà nuovi impulsi ai trasporti pubblici in Svizzera, paese che è - secondo la definizione dello stesso Vollmer - "una grande stazione ferroviaria".

Nuovi impulsi

Anche Paul Blumenthal aveva le carte in regola, ma senza nulla togliere ai suoi meriti, la scelta è caduta su di una persona "esterna" alla società, ritiene Vollmer.

Il sindacato del personale dei trasporti (SEV, che raggruppa circa il 70% del personale delle FFS) spera in "un partenariato sociale costruttivo" con il nuovo direttore, sul quale si astiene per il momento dal formulare giudizi.

Le relazioni tra la direzione e il personale, ritiene il SEV, saranno comunque molto presto messe alla prova dai difficili negoziati in corso sulla convenzione collettiva.

Dalle stalle alle stelle

Sposato e padre di tre figli, Meyer è cresciuto in una famiglia di ferrovieri. Il padre alla fine della carriera dirigeva a Muttenz l'officina dei ricambi delle FFS. Durante gli studi Meyer si è guadagnato da vivere anche facendo le pulizie dei vagoni.

Dal 1997 Meyer, che ha studiato legge e ha poi ottenuto un Master in Business Administration (MBA) in Francia, vive in Germania e lavora per le ferrovie tedesche.

Attualmente è presidente della direzione del settore trasporti urbani della DB, che comprende le linee regionali di Berlino e di Amburgo, 24 imprese di autobus e 73 partecipazioni in altre aziende, per un totale di 13 000 collaboratori e una cifra annuale di 1,8 miliardi di euro.

swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Andreas Meyer rimpiazzerà Benedikt Weibel alla direzione delle FFS dal 1° gennaio 2007.

45 anni, avvocato, Meyer, è cresciuto nel Cantone di Basilea campagna.

Dal 1997 risiede in Germania e fa parte della direzione di Deutsche Bahn.

End of insertion

In breve

Il primo gennaio 1999 le Ferrovie federali svizzere (FFS) si sono trasformate da regia federale a società anonima, con capitale detenuto al 100% dalla Confederazione.

Ogni quattro anni la Confederazione fissa degli obiettivi per le FFS. Il consiglio d'amministrazione definisce la strategia e la direzione la mette in atto.

Nel 2005, le FFS hanno trasportato 275,9 milioni di passeggeri e 58 milioni di tonnellate di merci.

I treni delle FFS assicurano l'87 per cento dei viaggiatori-chilometro percorsi e quasi il 90 per cento delle tonnellate-chilometro nel traffico merci.

L'azienda pubblica occupa attualmente più di 28'000 persone. L'anno scorso ha annunciato la soppressione di circa 200 posti di lavoro nel settore Cargo.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo