Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Origini svizzere per il black out italiano?

Vista sul golfo di Napoli all'alba di domenica mattina: non c'è corrente!

(Keystone)

Un albero caduto su una linea dell'alta tensione in Svizzera e un temporale in Francia potrebbero essere i fattori che hanno innescato il black out di domenica in Italia.

In causa vi sarebbe pure la capacità di reazione dei gestori delle reti della vicina Penisola.

Domenica mattina verso le 03.00, su una linea gestita dell'Aar e Ticino SA di elettricità (Atel) che attraversa la regione del Lucomagno, si è verificata un'interruzione di corrente.

Il blocco automatico della distribuzione è stato causato dalla caduta di una pianta sulla linea nei pressi di Brunnen, nel canton Svitto. Lo ha comunicato lo stesso gruppo energetico Atel.

Come di consueto in casi del genere, gli altri partner della rete di interconnessione sono stati avvertiti affinché adottassero le misure che si imponevano.

Per circa mezzora il flusso di corrente verso l'Italia ha continuato a funzionare normalmente, ha spiegato il portavoce dell'Atel Andreas Meier.

Poi però, in una reazione a catena, tutti i collegamenti internazionali con l'Italia si sono bloccati. All'Atel si presume che i gestori italiani, avvertiti telefonicamente, non abbiano reagito sufficientemente in fretta o non siano stati abbastanza efficienti.

Effetto domino

Quasi contemporaneamente in Francia un temporale ha pure provocato perturbazioni sulla rete di distribuzione elettrica europea.

L'avvenimento simultaneo dei due guasti potrebbe essere all'origine del problema italiano che ha lasciato senza corrente per ore l’intera penisola.

Al momento comunque si possono formulare soltanto supposizioni. In corso ci sono accertamenti e simulazioni per stabilire con precisione cos'è accaduto in seguito e verificare le eventuali interrelazioni. Inchieste sono state avviate nei tre Paesi.

Ne ha risentito pure la Svizzera

Il black out ha avuto ripercussioni anche in ampie zone di frontiera in Svizzera. In Ticino l'erogazione di corrente è stata interrotta dalle 03:30 circa per una ventina di minuti.

«Siccome l'Italia non era per così dire più in grado di prendere la corrente, questa si è bloccata da noi sovraccaricando la nostra rete», ha dichiarato il direttore dell'Azienda elettrica ticinese Paolo Rossi.

Pure private di corrente per circa un'ora e mezza le regioni grigionesi di Mesolcina e Alta Engadina. Colpito anche il canton Ginevra, soprattutto nella zona dell'aeroporto di Cointrin, dove l'interruzione è durata dalle 03:30 alle 04:20.

Perturbazioni si sono pure avute nei collegamenti ferroviari fra Svizzera e Italia: i convogli internazionali hanno ripreso a circolare dopo le 11:30, ma nel tardo pomeriggio quelli provenienti da sud accusavano ancora ritardi.

swissinfo e agenzie

In breve

Il black out che ha colpito l'Italia e che per alcune ore ha privato d'energia elettrica circa 57 milioni di persone non è un evento isolato.

Martedì scorso una gigantesca interruzione di corrente aveva colpito Danimarca e Svezia, gettando i due Stati nordici nel caos.

In agosto era toccato al nord-est degli Stati Uniti ed al Canada orientale. Più di 50 milioni di persone si erano ritrovate senza corrente, alcuni addirittura per la durata di 3 giorni.

Infine, ancora in agosto, il black out ha colpito in Inghilterra, a Londra e nel sud-est del paese. Circa 1800 treni si erano bloccati a causa dell'assenza di corrente.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×