Prospettive svizzere in 10 lingue

La Svizzera sollecita l’intervento delle Nazioni Unite sulla Siria colpita dal terremoto

camion di aiuti in attesa di entrare in Siria
Attualmente esiste un solo punto di passaggio autorizzato dalle Nazioni Unite tra la Turchia e la Siria per l'ingresso degli aiuti in Siria. Copyright 2023 The Associated Press. All Rights Reserved

La Svizzera chiede una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite all'inizio della prossima settimana sugli aiuti alla Siria colpita dal terremoto, mentre si affievolisce la speranza di trovare molti altri sopravvissuti tra le macerie.

L’ONU vuole ulteriori punti di passaggio per gli aiuti tra Turchia e Siria. La Svizzera, che è membro del Consiglio di sicurezza nel 2023-24, è corresponsabile dei negoziati.

“Ha chiesto alla presidenza maltese del Consiglio di convocare un briefing il prima possibile”, ha dichiarato venerdì il portavoce del ministero degli Affari esteri svizzero Nicolas Bideau. Il briefing richiesto è quello di Martin Griffiths, capo dell’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari delle Nazioni Unite (OCHA), che visiterà la regione questo fine settimana. Secondo Bideau, la Svizzera è in stretto contatto con gli attori umanitari sul posto e con l’OCHA.

Venerdì il governo siriano ha dichiarato che autorizzerà la consegna di aiuti internazionali alle aree controllate dai ribelli nel nord del Paese, devastato dal conflitto, a condizione che siano supervisionati dalla Croce Rossa Siriana.

Il Presidente del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) con sede a Ginevra, Mirjana Mirjana Spoljaric Egger, è arrivata in Siria giovedì sera. Parlando ad Alep, ha detto che è difficile trasmettere il livello di “perdita, sofferenza e distruzione”.

Gli svizzeri estraggono un bambino dalle macerie della Turchia

Il bilancio delle vittime dei forti terremoti che hanno colpito lunedì alcune zone della Turchia e della Siria è salito a 22.300 persone. Più di 100 ore dopo il terremoto, venerdì i soccorritori svizzeri hanno estratto dalle macerie di Hatay, nel sud della Turchia, altre due persone vive, una madre e un bambino. Questo porta a 39 il numero totale di persone estratte vive questa settimana dai soccorritori svizzeri, che hanno descritto come un “miracolo”.

Una seconda squadra di operatori umanitari svizzeri è partita venerdì per la Turchia. L’appello della Catena della Solidarietà, il braccio umanitario della Società svizzera di radiodiffusione – la società madre di swissinfo.ch – ha raccolto oltre 10 milioni di franchi svizzeri (10,8 milioni di dollari) in donazioni a sostegno delle vittime del terremoto.

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR