L’ONU serve a qualcosa?

Le Nazioni unite offrono ai loro 193 paesi aderenti un’importante piattaforma di discussione per sostenere la pace e i diritti umani. Molte decisioni sono però bloccate dal veto del Consiglio di sicurezza. L’ONU può servire a risolvere le sfide del 21esimo secolo?

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 settembre 2012 - 11:00

Per i loro sostenitori, l’Assemblea generale e gli organismi delle Nazioni unite assicurano un contributo fondamentale per promuovere a livello mondiale la salute, l’educazione, i diritti umani, la protezione dell’ambiente e gli aiuti umanitari. Per i detrattori, l’ONU non è riuscita a gestire numerosi conflitti internazionali, ha un apparato amministrativo troppo pesante e viene spesso presa in ostaggio dal veto imposto dai membri permanenti del Consiglio di sicurezza.

Secondo le parole del suo ex segretario generale Dag Hammarskjöld, “l’ONU non è stata creata per portare l’umanità in paradiso, ma per salvarla dall’inferno”. Le aspettative nei confronti di questa istituzione non sono spesso troppo alte? Secondo voi, chi ha ragione?

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo