Presto informatizzati i registri dello stato civile

Lo ha deciso il Consiglio degli Stati, che ha dato il suo benestare, all'unanimità, ad un progetto che dovrebbe venir realizzato nella primavera 2002. Finisce quindi anche per l'anagrafe l'era dei documenti cartacei, che verranno sostituiti da «Infostar», una banca dati centralizzata.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 giugno 2001 - 11:13

Oggi ci sono in Svizzera 1750 uffici di stato civile incaricati di tenere quattro tipi di registri: nascite, matrimoni, decessi e riconoscimento dei figli. Tutti questi dati devono essere riportati su carta nei registri delle famiglie nel luogo d'origine di un cittadino. «Tutte iscrizioni fatte in modo tradizionale; ne consegue che molte operazioni sono in doppio e gli errori possibili sono tanti», ha rilevato il relatore della commissione Dick Marty (PLR/TI.

La creazione di una banca dati centralizzata, gestita dalla Confederazione, permetterà di porre rimedio a questo stato di cose. La protezione della personalità e i diritti fondamentali della persona saranno rispettati, ha rammentato la consigliera federale Ruth Metzler.

Il Consiglio degli Stati ha però chiesto che la Confederazione aumenti la propria partecipazione finanziaria al progetto: cinque milioni di franchi invece dei 2,5 proposti. Quello del finanziamento è il solo problema che si pone, ha spiegato Marty: Confederazione e Cantoni non si intendono infatti sulla chiave di ripartizione.

Ritenendo che Berna trarrà numerosi vantaggi dal nuovo sistema «Infostar», i senatori hanno deciso tacitamente di far sopportare dalla Confederazione il totale dell'investimento iniziale, ossia 5 milioni di franchi. I costi di gestione, stimati a due milioni, rimarrebbero invece a carico dei Cantoni, i quali con «Infostar» dovrebbero risparmiare circa 10 milioni di franchi all'anno.

Sarà la Confederazione a gestire il sistema informatico, ma, come sinora, l'iscrizione dei dati sarà competenza esclusiva delle autorità dello stato civile locali. L'accesso «online» ai dati personali sarà permesso ad alcuni servizi, ad esempio quello per il rilascio dei documenti d'identità e del casellario giudiziario.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo