Vaccino svizzero contro Covid-19 a portata di mano?

La maggior parte degli esperti ritiene che occorra almeno un anno prima che sia possibile produrre un vaccino contro Covid-19. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved.

Un team di ricercatori dell'università di Berna spera di essere il primo a produrre un vaccino contro il coronavirus. La popolazione elvetica potrebbe essere vaccinata da ottobre, ritengono gli scienziati.

Paula Dupraz-Dobias, swissinfo.ch

"La possibilità di successo è realistica", ha affermato Martin Bachmann, professore di immunologia dell'università di Berna nel corso di una conferenza online con l'associazione della stampa delle Nazioni Unite. "La Svizzera ha una tradizione di pragmatismo ed è pronta a trovare un compromesso se serve a ottenere più in fretta un vaccino."

Dall'inizio dell'epidemia di coronavirus e della proclamazione da parte dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dell'emergenza sanitaria di portata internazionale alla fine di gennaio, molti esperti di salute pubblica e rappresentanti delle autorità di vari paesi hanno ripetuto che la produzione di un vaccino avrebbe richiesto almeno 12-18 mesi.

 Approccio unico

Bachmann, che è anche professore di vaccinologia all'istituto Jenner dell'università di Oxford, ha affermato che l'accelerazione dei tempi può essere almeno in parte spiegata dal procedimento, che potenzialmente facilita la produzione. L'equivalente di 200 litri di fermento batterico, che serve per le iniezioni, potrebbe servire per 10-20 milioni di dosi.

"Il vaccino è unico, a causa della sua elevata scalabilità. Ha la capacità di produrre miliardi di dosi in poco tempo", dice Bachmann.

Nello sviluppare il vaccino, il team svizzero segue un approccio diverso rispetto ad altri laboratori, utilizzando particelle simili al virus, che non sono contagiose, a differenza del virus stesso, e permettono una buona risposta immunitaria.

Un prototipo è stato sviluppato già in febbraio, poche settimane dopo che il virus era stato identificato in Cina, ed è stato testato con successo su topi da laboratorio, mostrando che il siero è in grado di neutralizzare il virus.

Gary Jennings, amministratore delegato di Saiba Biotech, azienda che collabora con l'università di Berna, dice che la autorità svizzere sono consapevoli dell'importanza di approvare lo sviluppo del vaccino. "Se il governo e le autorità di controllo svizzere vogliono che il vaccino sia disponibile al pubblico entro questi termini, allora si farà."

 Ottenere l'autorizzazione

 Swissmedic, l'autorità responsabile per l'approvazione e la supervisione delle terapie mediche in Svizzera conferma di aver già offerto consulenza scientifica al progetto ed è a conoscenza del suo stato di avanzamento.

Il portavoce Lukas Jaggi dice che "in questa situazione eccezionale, dobbiamo realisticamente calcolare tra gli 8 e i 14 mesi per ottenere un vaccino contro il nuovo coronavirus SARS-CoV-2."

In una presa di posizione scritta, Jaggi afferma che "Swissmedic dà molta importanza al fattore tempo. Ma la sicurezza e la tollerabilità del vaccino vengono prima di tutto. È perciò importante che aziende e gruppi di ricerca prendano precocemente contatto con Swissmedic, in modo che li possiamo accompagnare e sostenere nella fase di sviluppo, prima che inoltrino la domanda di autorizzazione."

Lo sviluppo del vaccino fino alla produzione su larga scala richiederà, secondo Saiba Biotech (di cui Bachmann è uno dei fondatori), fondi pari a circa 100 milioni di franchi. USZ Foundation, organizzazione dell'ospedale universitario di Zurigo che promuove l'innovazione, ha espresso il suo interesse a sostenere la ricerca. Gary Jennings dice che Saiba ha già avuto contatti anche con i gruppi farmaceutici Novartis e Lonza.

 Programma terapeutico anti-Covid

 Il laboratorio Molecular Partners di Zurigo ha lanciato un programma terapeutico contro Covid-19 in collaborazione con l'Ufficio federale della protezione civile (UFPP). L'azienda afferma di aver individuato varie proteine specifiche in grado di neutralizzare il coronavirus SARS-CoV-2.

 Queste proteine sono state combinate in modo da agire su tre fronti contro il virus, in particolare prevenendo la penetrazione delle cellule umane, ha scritto l'azienda il 20 aprile in un comunicato stampa.

 Alcune ricerche condotte in collaborazione con virologi del laboratorio Spiez, una sezione dell'UFPP, hanno indentificato "centinaia di proteine" con qualità di neutralizzazione.

End of insertion


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo