Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Scena aperta della droga Esattamente 25 anni fa Zurigo evacuava il Platzspitz

È trascorso un quarto di secolo da quando la scena aperta della droga al Platzspitz di Zurigo è stata evacuata. Lungi dal porre fine al problema dei tossicodipendenti, ciò ha almeno segnato una svolta nelle mentalità.

Oggi quando fa bel tempo, i bambini si divertono al parco giochi, i giovani si riuniscono intorno al palco dove si balla e si ascolta musica, tanta gente passeggia alla confluenza dei fiumi di Zurigo, la Sihl e la Limmat, proprio dietro al Museo Nazionale e al suo nuovo padiglione. Nulla farebbe immaginare gli anni tragici vissuti dal parco del Platzspitz.

Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

.

Esattamente 25 anni fa, il 5 febbraio 1992, Zurigo ha chiuso quella che era diventata la mecca europea della droga. Qui quotidianamente si approvvigionavano di droga, principalmente eroina, fino a tremila tossicomani provenienti dalla Svizzera e dall'estero.

Il posto a quel tempo era soprannominato "Needle Park" (parco degli aghi, nel senso delle siringhe). I tossicodipendenti si iniettavano la droga pubblicamente, in un parco nel centro della lussuosa capitale economica della Svizzera, che era diventato un immondezzaio.

L'anno prima della chiusura, lì sono stati distribuiti 5 milioni di siringhe. I soccorritori avevano dovuto rianimare 3'600 persone, 21 tossicodipendenti erano morti sul posto.

Eseguita senza misure di accompagnamento, l'operazione di evacuazione era destinata al fallimento. I tossicodipendenti si sono semplicemente trasferiti intorno alla stazione in disuso del Letten, non lontano dal Platzspitz.

È così nata una nuova scena aperta altrettanto imponente e ancora più violenta. Questa sarà definitivamente sgomberata nel 1995. Questa volta, l'operazione è stata accuratamente preparata, con molti aiuti, la distribuzione controllata di eroina o di metadone, oppure programmi di integrazione professionale.

Queste scene di droga aperte hanno portato la Svizzera a sviluppare la sua politica innovativa dei cosiddetti quattro pilastri: repressione, prevenzione, terapia e aiuto alla sopravvivenza.

(Foto: Keystone; Testo: ats; Video: RSI)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.