Gli svizzeri all’estero superano quota 750‘000

La comunità elvetica espatriata continua a progredire a una velocità quasi doppia rispetto alla crescita della popolazione residente in Svizzera. Alla fine del 2015 erano 761'930, il 2% in più rispetto a 12 mesi prima.

Se ci fosse un cantone della Quinta Svizzera, termine con cui si designano gli elvetici espatriati, sarebbe il terzo in ordine d’importanza, dietro a Zurigo e Berna e appaiato a Vaud. Per la prima volta nella storia, questa comunità ha superato quota 750'000 persone. In altre parole, uno svizzero su dieci vive all’estero.

swissinfo.ch

In termini assoluti, la crescita da un anno all’altro è stata di 15'045 persone, indica lunedì il Dipartimento federale degli affari esteri. L’aumento «è dovuto principalmente alle nuove registrazioni – in seguito ad arrivo, nascita o naturalizzazione di cittadine e cittadini con la doppia cittadinanza», si legge nel comunicato.

La progressione più forte è stata registrata nel continente asiatico (soprattutto Thailandia, Filippine, Israele e Emirati Arabi Uniti), con un aumento del 3,5%.

La maggior parte degli svizzeri all’estero vive però in Europa. La Francia continua ad essere di gran lunga la meta preferita dalla diaspora elvetica, con 198'647 persone (+4'173), seguita da Germania (86'774, +2'103) e Italia (51'556, +203). Al di fuori dell’Europa, il paese che riscontra maggior successo sono gli Stati Uniti (80'128, +1'522).

Con un solo cittadino svizzero sul loro territorio, le isole Palau e Kiribati, il Turkmenistan e São Tomé-e-Principe arrivano invece in coda alla classifica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo