Swiss Re raddoppia l'utile

Nonostante le catastrofi naturali, lo scorso esercizio è stato positivo per Swiss Re Keystone

La società di riassicurazione ha registrato nel 2004 un aumento dei profitti pari al 45%, favorito dai buoni investimenti operati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 marzo 2005 - 10:09

Con un utile netto di 2,5 miliardi, il risultato supera le attese del mercato, nonostante una diminuzione dei premi incassati.

Il gruppo riassicurativo elvetico Swiss Re ha registrato un aumento dei profitti nel corso del 2004 pari a 45%. L'utile è infatti passato dagli 1,7 miliardi del 2003 a 2,5 miliardi, nonostante gli uragani e altre catastrofi naturali che hanno originato costi supplementari per 760 milioni di franchi.

Il volume dei premi incassati si è tuttavia contratto del 4% a 29 miliardi di franchi, ma secondo la società si tratta di un calo imputabile agli effetti del cambio e in particolare alla debolezza del dollaro.

John Coomber, presidente della direzione generale, ha affermato che i buoni risultati ottenuti «mostrano la capacità di Swiss Re di aumentare i propri benefici». Egli ha inoltre sottolineato come essi siano il frutto del buon andamento registrato da tutti i settori dell'azienda e dagli investimenti finanziari effettuati.

Ottimismo per il futuro



Swiss Re ha espresso fiducia in prospettiva futura: forte della sua posizione sul mercato, il riassicuratore ipotizza un'ulteriore progressione dei risultati. Tra gli obiettivi di crescita per il 2005, vi è un aumento del 10% del risultato per azione.

Inoltre, la multinazionale indica che vi sono notevoli potenzialità di sviluppo, in particolare per quanto concerne i mercati asiatici. A tal proposito John Coomber ha annunciato che «l'Asia diventerà un nuovo polo strategico del gruppo».

Il consiglio d'amministrazione proporrà all'assemblea generale del 9 maggio prossimo un dividendo di 1,60 franchi per azione, il 45 per cento in più rispetto all'esercizio precedente.


swissinfo e agenzie

Fatti e cifre

Swiss Re è il numero due mondiale nel campo della riassicurazione, dopo Munich Re.
Il gruppo, fondato nel 1863, è attivo in oltre trenta paesi.
Swiss Re impiega circa 8'000 persone.

End of insertion

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo