Navigation

Nasce Villa Spazzatura, costruita al 100% con rifiuti

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 novembre 2010 - 19:14
(Keystone-ATS)

PARIGI - Una villa costruita completamente con rifiuti urbani. Succede a Nantes, in Francia, dove l'associazione Tabakero intende in questo modo sensibilizzare la popolazione ai temi ambientali.
Ormai da inizio ottobre, centinaia di volontari hanno percorso in lungo e in largo l'agglomerato urbano della cittadina a caccia di materiali da riciclare: legno, metallo, rame, tessuti, carta...tutti scarti raccolti tra i rifiuti degli ipermercati o direttamente nelle discariche, che serviranno a costruire un edificio di 70 metri quadri, nel pieno centro della città.
"Con il legno abbiamo eretto le pareti. La carta è servita da isolante", spiega Frederic Tabary, presidente di Tabakero. Anche il mobilio di "Villa Spazzatura" proviene da materiale riciclato. Alla costruzione dell'edificio, che dovrebbe essere pronto tra circa 20 giorni, contribuiscono circa 2000 volontari. Una volta ultimata, la villa comprenderà due stanze, un soggiorno, un bagno e una cucina. Tutto conforme alle normative di sicurezza attualmente in vigore.
L'edificio verrà poi spostato in un un quartiere popolare di Nantes, dove verrà donato ad un'associazione per la difesa dei senza casa. Con Villa Spazzatura, Tabary intende dimostrare che "dobbiamo ridurre i nostri rifiuti alla base. Rispetto a quarant'anni fa ne produciamo il doppio. I consumatori devono imparare a selezionare i loro acquisti in funzione di questo criterio".
Altro obiettivo dell'associazione è dimostrare che "con l'inutile si possono fare cose utili". Il progetto si ispira a "'The Scrap House", una casa costruita nel 2005 a San Francisco, con materiale riciclato. Ma Tabary non vuole fermarsi a Nantes. Contatti sono già in corso con gli amministratori di Parigi, Bruxelles e Marsiglia per rinnovare l'operazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?