Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Uno svizzero alle radici del blues negli Usa

Il bernese Wale Liniger, professore di blues negli Stati Uniti (Musig im Dorf)

Il 2003 è stato decretato dal parlamento americano l’anno del Blues.

Un’opportunità anche per il musicista svizzero Walter Liniger, che negli Stati uniti insegna con successo proprio questo tipo di musica.

“E’ una cosa strana, dice Liniger a swissinfo. Perché il blues nasce da un periodo buio, pieno di violenza. Forse, solo in America si può festeggiare qualcosa così”. Walter Liniger è uno svizzero nato e cresciuto a Berna, che di Blues se ne intende. Da oltre 20 anni vive negli Stati Uniti, dove insegna armonica e blues presso l’Università della Carolina del sud.

Negli Stati Uniti ha avuto la possibilità di fare della sua passione la sua professione. “E’ questo che mi piace degli Stati Uniti. In Svizzera la gente prima di darti un lavoro ti chiede dei certificati. Negli Stati Uniti è diverso. Qui conta quello che sai fare”.

Conoscere meglio gli Usa

Liniger è arrivato negli Stati Uniti all’inizio degli anni ’80. Dopo aver insegnato per otto anni a Berna, aveva voglia di cambiare, di conoscere meglio gli Stati Uniti dove aveva già trascorso un breve periodo di studio.

Nel 1984 approda nel sud del paese. Trova lavoro presso l’archivio del blues all’Università del Mississippi a Oxford. Guadagnava poco, ma – afferma – “non ho mai rimpianto questa decisione”.

Appuntamento con i grandi del blues

Liniger conosce in quegli anni i grandi del Blues. Suona in duo con il maestro del Delta Blues James Son Thomas. Frequenta anche Eugene Powell, Jack Owens, Johnny Woods, Wilbert Lee Reliford e altri rappresentanti del blues del Mississippi.

In quegli anni fa ricerca, incontra molta gente e intervista decine di anziani che in qualche modo erano legati al Blues, non perché lo suonavano professionalmente, ma perché avevano un qualche interesse per la musica.

“Oggi mi chiedo che cosa cercavo. Certo volevo cercare le radici del Blues. Ma questo è un modo di pensare europeo. Siamo convinti che si può sempre trovare una fonte che può spiegare tutto. Da anni cerco di lottare contro questo atteggiamento, contro questo idea di precisione che è tipicamente svizzera. Ho imparato molto su me stesso, sulle mie forze e le mie debolezze. Questo è in fondo quello che deve essere il blues, lo specchio di se stessi. Ci sono voluti quasi 20 anni per capirlo”.

Un parallelo con la musica popolare svizzera

All’università della Carolina del sud insegna armonica a studenti americani. Sono per la maggior parte bianchi.

“Oggi il pubblico del blues non è più nero, ma bianco. Se fossi un nero avrei un’altra relazione con il blues perché mi dice continuamente da dove vengo. E’ la stessa cosa con la musica popolare svizzera. Per anni non potevo ascoltarla. Oggi noto che quella musica contiene qualcosa che mi dice chi sono. Molti neri vogliono uscire dall’idea della schiavitù e della divisione tra le razze. Per questo forse vogliono un’altra musica”, afferma Liniger.

Ogni anno, Liniger viene in Svizzera dove dà concerti. Suona blues che intervalla con vecchie canzoni popolari svizzere o con un walzer. “All’inizio pensavo che il mio obiettivo fosse quello di liberarmi della mia anima svizzera. Col tempo ho capito che deve avvenire proprio il contrario. Io ho vissuto 30 anni in Svizzera. L’obiettivo del Blues non deve essere quello di dimenticare, ma di ricordare quello che è positivo per me e che mi fa bene” afferma.

Un progetto insolito

In ottobre era a Montreux. Ha partecipato ad un convegno di dirigenti postali. Tra una seduta e l'altra ha insegnato loro a suonare un ritmo con l’armonica. “Non pensavo di riuscirci, ma dopo due giorni abbiamo suonato insieme “I love the way you walk”, afferma soddisfatto.

Il blues è profondamente radicato nella cultura musicale americana. “Per me è un tentativo di afferrare l’America. Questo è un paese enorme. Molti americani sono soli. Questa sensazione di solitudine è alla base della musica americana, sia essa blues o country. Il Blues è un modo di incontrare questa solitudine.”

swissinfo, Anna Luisa Ferro Mäder, Washington

In breve

Walter Liniger è uno svizzero nato e cresciuto a Berna, che di Blues se ne intende.

Da oltre 20 anni vive negli Stati Uniti, dove insegna armonica e blues presso l’Università della Carolina del sud.

Ha frequentato grandi della musica blues come James Son Thomas, Eugene Powell, Jack Owens, Johnny Woods, Wilbert Lee Reliford.

Fine della finestrella


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×