Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Widmer-Schlumpf è la nuova ministra di giustizia

(Keystone)

Dopo la sorprendente elezione in governo di Eveline Widmer-Schlumpf, avvenuta la scorsa settimana, la ripartizione dei dipartimenti si è svolta martedì come previsto e senza rotazioni.

La neoeletta in Consiglio federale riprenderà dal primo gennaio il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), diretto finora da Christoph Blocher.

Dopo lo scossone nell'elezione del governo mercoledì scorso, lo status quo per i "vecchi" ministri e l'attribuzione del DFGP alla consigliera di Stato grigionese dell'Unione democratica di centro (UDC, destra nazional-conservatrice), erano ampiamente previsti.

Nella sua prima seduta del 2008, prevista il 16 gennaio, il Consiglio federale dovrà formalmente confermare questa ripartizione. In quest'occasione definirà anche le supplenze, precisa la Cancelleria federale (CaF).

La ripartizione è avvenuta nel rispetto della regola dell'anzianità: da Moritz Leuenberger, il decano per presenza in consiglio federale, alla Widmer-Schlumpf, i consiglieri federali hanno espresso uno dopo l'altro il loro desiderio.

Il tutto è avvenuto in pochi minuti, ha detto un portavoce della CaF. Il solo dicastero "libero" era il DFGP, diretto da Blocher fino al 31 dicembre.

Niente rotazione di dipartimenti

Giurista di formazione, la Widmer-Schlumpf ha affermato negli scorsi giorni di non avere alcun desiderio particolare e di essere disposta ad assumere qualsiasi Dipartimento federale. E questo malgrado la sua esperienza cantonale alla testa delle finanze e quale presidente della Conferenza dei direttori cantonali delle finanze (CDF), che avrebbe potuto destinarla al Dipartimento federale delle finanze (DFF).

Nessuno degli altri ministri, di cui alcuni dovrebbero lasciare la carica prima della fine della legislatura nel 2011, sembra dunque aver avuto velleità di cambiamento.

Novità apparivano in ogni caso improbabili prima della concretizzazione del progetto di riorganizzazione dei dicasteri che potrebbe portare al raggruppamento in un solo dipartimento della ricerca e della formazione professionale e alla creazione di un dipartimento della sicurezza.

Numerosi dossier

I dossier sulla scrivania della Widmer-Schlumpf sono numerosi. Tra questi spicca la sorveglianza del Ministero pubblico della Confederazione (MPC), che con la vicenda Blocher-Roschacher ha fatto scorrere fiumi di inchiostro.

Ma vi sono ad esempio anche il dossier della Lex Koller (vendita di immobili a stranieri residenti all'estero), le importazioni parallele, la revisione della norma antirazzismo, la politica d'integrazione, l'iniziativa per l'espulsione dei delinquenti stranieri, le naturalizzazioni e l'eutanasia.

Consiglio federale

Il Consiglio federale è il Governo svizzero. È composto da sette membri, chiamati consiglieri federali, che ogni quattro anni vengono eletti ...

UDC e DFGP

Dopo quattro anni di direzione da parte di Blocher, continua dunque il controllo dell'Unione democratica di centro sul DFGP, anche se la neoeletta non è sostenuta dal gruppo UDC alle Camere.

Dal 1960, la giustizia e la polizia sono state soprattutto un feudo democristiano. Il Partito popolare democratico (PPD) ha controllato il DFGP complessivamente per 38 anni, l'ultima volta con Ruth Metzler fra il maggio 1999 e la fine del 2003. Il Partito liberale radicale (PLR) ha invece controllato il dipartimento per sei anni.

swissinfo e agenzie

Lunga tradizione

Eveline Widmer-Schlumpf porta avanti la tradizione di un Dipartimento di giustizia e polizia diretto da un giurista o una giurista di un partito borghese.

Solo in rari casi il responsabile del dipartimento non era un giurista di formazione. Nel 1883 è stato diretto dal medico Adolf Deucher, nel 1908 dall'architetto Josef Anton Schobinger e nel 1959 dal contadino Friedrich Traugott Wahlen.

Dopo Elisabeth Kopp e Ruth Metzler, Widmer-Schlumpf è la terza donna ad occupare il ruolo di responsabile del DFGP.

È la quinta volta che questo dipartimento è diretto da un membro dell'UDC (Widmer-Schlumpf resta membro dell'UDC anche se il suo gruppo alle camere non la sostiene).

Fine della finestrella

Ripartizione dei dipartimenti

Moritz Leuenberger (eletto in governo nel 1995): Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni;

Pascal Couchepin (1998): Dipartimento federale dell'interno;

Samuel Schmid (2000): Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport;

Micheline Calmy-Rey (2002): Dipartimento federale degli affari esteri;

Hans-Rudolf Merz (2003): Dipartimento federale delle finanze;

Doris Leuthard (2006): Dipartimento federale dell'economia;

Eveline Widmer- Schlumpf (2007): Dipartimento federale di giustizia e polizia.

Fine della finestrella

UDC all'opposizione

Il gruppo parlamentare dell'Unione democratica di centro (UDC, destra nazional-conservatrice) ha deciso martedì per 60 voti a 3 che al suo interno non ci saranno né scissioni né sottogruppi.

Dopo l'esclusione di Christoph Blocher dal governo, gli eletti dell'UDC hanno così deciso di passare all'opposizione, escludendo dal loro gruppo i ministri Eveline Widmer-Schlumpf e Samuel Schmid.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza