Prospettive svizzere in 10 lingue

10 maggio 1940: Campagna di Francia; Svizzera verso il Ridotto

(Keystone-ATS) Il 10 maggio 1940, forzando le difese alleate nelle Ardenne, le panzer divisioni tedesche sfondano il fronte anglo-francese, raggiungendo in una decina di giorni le coste della Manica e tagliando in due l’esercito nemico. Il Corpo di spedizione britannico in Francia completamente accerchiato riesce tuttavia a porsi in salvo rientrando in patria dal porto di Dunkerque.

Per la Svizzera, i successi tedeschi sul fronte occidentale, l’entrata in guerra dell’Italia (10.6.1940), la sconfitta e la successiva occupazione della Francia, sancirono l’accerchiamento quasi totale da parte delle potenze dell’Asse, che divenne completo nell’autunno del 1942 con l’invasione della zona meridionale della Francia.

Ciò indusse lo Stato maggiore dell’esercito svizzero alla creazione del Ridotto nazionale, un dispositivo difensivo nello spazio alpino in cui dal luglio del 1940 all’autunno del 1944 si concentrò il presidio militare. Secondo il Dizionario storico della Svizzera, la strategia del ridotto prevedeva lunghi combattimenti di montagna e la distruzione delle trasversali alpine e avrebbe quindi dovuto produrre un effetto deterrente.

Nel Dopoguerra la valenza simbolica del ridotto si rafforzò tanto da farne un mito nazionale, messo in discussione solo alla fine del XX secolo. Per la generazione del servizio attivo, il Ridotto nazionale rappresentò la quintessenza della volontà di difesa e il simbolo del “caso particolare” (Sonderfall) di una Svizzera indipendente. Voci critiche, in particolare nel contesto della discussione sul ruolo dell’esercito durante la Seconda guerra mondiale, hanno invece posto l’accento sull’intreccio di interessi politici, economici e finanziari della Svizzera con le potenze belligeranti e hanno assegnato al ridotto un ruolo secondario.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR