Navigation

Solidarietà svizzera con il Libano

I danni dell'esplosione del 4 agosto a Beirut. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved.

Il 4 agosto un carico di nitrato di ammonio è esploso nel porto di Beirut. Più di 220 persone sono morte, oltre 6000 sono rimaste ferite e circa 300'000 hanno perso la casa. La Catena della Solidarietà rinnova il suo appello a sostenere la popolazione con donazioni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 agosto 2020 - 11:36

Dopo l'esplosione, la popolazione libanese dipende dagli aiuti d'emergenza. Con il sostegno della Società svizzera di radiotelevisione SSR, di cui swissinfo.ch fa parte, la Catena della Solidarietà intensifica la sua campagna di donazioni.

Come e dove donare?

Le donazioni possono essere effettuate in qualsiasi momento sul conto corrente postale 10-15000-6 (nota "Libano") o online agli indirizzi www.glueckskette.ch www.catena-della-solidarieta.ch/.

End of insertion

Le organizzazioni umanitarie partner della Catena della Solidarietà sono già sul posto a causa dei rifugiati siriani, che costituiscono un quinto della popolazione. Ora stanno distribuendo cibo, acqua e materiali per la riparazione provvisoria degli alloggi e per fornire assistenza medica.

Contenuto esterno

Ambasciatrice svizzera ferita

In passato il Libano era chiamato "la Svizzera del Medio Oriente". Ma dal 2019 il paese è attanagliato da una grave economica. Anche la pandemia di coronavirus ha colpito duramente il Libano.

Ora a tutto questo si è aggiunta l'esplosione. Anche l'ambasciatrice svizzera in Libano, Monika Schmutz Kirgöz, è rimasta leggermente ferita.

La Svizzera aiuta

La Svizzera ha inviato 500'000 franchi di aiuti d'urgenza alla Croce Rossa libanese e ha inviato sul posto un team di specialisti. Questi specialisti verificheranno la stabilità degli edifici nelle aree distrutte.

Medicinali e materiale sanitario vengono caricati sul jet del Consiglio federale nell'aeroporto di Berna-Belp, 14 agosto 2020. La Svizzera ha inviato a Beirut esperti del Corpo svizzero di aiuto umanitario. Ha inoltre fornito al Libano materiale sanitario di base per la chirurgia, la pediatria e l'ostetricia. Keystone / Adrian Reusser

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.