Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Villiger non vuole nuovi aiuti statali per l'UBS

Il nuovo presidente del consiglio di amministrazione di UBS, Kaspar Villiger, spera di poter salvare la grande banca senza ricorrere a nuovi aiuti statali. L'ex consigliere federale ritiene inoltre che un'estensione dell'accordo sulla tassazione dei risparmi potrebbe alleggerire le pressioni che pesano sulla banca.

"Come ex ministro delle finanze e come liberale sarebbe per me particolarmente fastidioso di dover rivolgermi allo Stato", ha dichiarato Kaspar Villiger in un'intervista pubblicata domenica dalla Sonntaszeitung. Per il probabile nuovo presidente del consiglio di amministrazione dell'UBS – la nomina dovrà ancora essere approvata in aprile dall'assemblea generale degli azionisti – l'obiettivo è di uscire dalla crisi senza aiuti statali. "Peter Kurer e Marcel Rohner hanno già fatto molto per il risanamento della banca. Ma ciò che non possiamo influenzare sono i mercati finanziari, che rimangono totalmente imprevedibili.

L'ex consigliere federale ha citato tre ragioni che hanno portato agli attacchi lanciati contro la Svizzera e il segreto bancario. Innanzitutto la crisi finanziaria che spinge tutti gli Stati a cercare nuove fonti di introiti. Poi le violazioni della legge commesse dall'UBS negli Stati uniti, che hanno fornito all'amministrazione americana "un ottimo pretesto per attaccare la Svizzera". E infine la posizione di debolezza dovuta al fatto che la Confederazione non appartiene ad un grande blocco economico. "Se la Svizzera fosse nell'UE, gli Stati uniti ci penserebbero due volte prima di attaccarci", ha aggiunto Villiger, precisando di non essere comunque favorevole ad un'adesione ai Ventisette.

L'ex ministro delle finanze ha dichiarato inoltre di vedere di buon occhio un'estensione ad altri paesi e ad altri settori dell'accorso sulla tassazione dei risparmi concluso con l'UE. "Una soluzione accettata a livello internazionale toglierebbe sicuramente molte delle pressioni che vengono esercitate attualmente sull'UBS".


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×