Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Votazioni cantonali In Ticino passa la tassa sui posteggi

Con una maggioranza risicata del 50,7%, il popolo ticinese ha detto sì alla proposta del governo di introdurre una tassa sui parcheggi in 194 aziende e centri commerciali. Obiettivo: arginare traffico, colonne e inquinamento. In futuro, anche i frontalieri saranno probabilmente chiamati a contribuire. La misura – che porterà nelle casse cantonali 18 milioni all’anno – divide la stampa ticinese.

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per il Corriere del Ticino, che parla di “una vittoria del consigliere di Stato Claudio Zali [ministro cantonale della Lega dei ticinesi, ndr]”, gli effetti della cosiddetta tassa di collegamento non sono per nulla scontati. Per moltissimi lavoratori non c’è infatti un’alternativa all’automobile, sottolinea il quotidiano, “e chi fa la grande spesa a Grancia non potrà certo farla caricandosi di sacchi, scatoloni e bottiglie sul bus”.

Resta poi da vedere “chi pagherà il nuovo balzello: le aziende, come dice la legge? I dipendenti e i clienti, come molti hanno affermato nella campagna di voto? Sarà comunque un onere supplementare a carico del lavoro (e del commercio, che è anch’esso lavoro)”.

Il Corriere del Ticino vede poi nella scelta dei ticinesi anche la vittoria dei “fautori delle politiche di chiusura”. “La tassa sui posteggi è un piccolo tassello: chiusura alla mobilità individuale, ai frontalieri, ai consumi, al traffico. C’è da sperare che l’impatto sulla tenuta delle aziende e sui posti di lavoro non sia pesante”.

L’editorialista de La Regione Ticino parla invece di una vittoria del “senso civico di chi considera il proprio impegno finanziario (piccolo o grande, poco importa) come contributo essenziale alla crescita equilibrata e vivibile della comunità d’appartenenza. Perché questo vuol dire pagare le tasse o le imposte, e non altro. Senza paletti ideologici, senza pregiudizi, senza forzature; si discuta sul quantum, ma non sul principio. Altrimenti è il caos. La maggioranza dei cittadini l’ha capito”.

swissinfo.ch e RSI (TG del 05.06.2016)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza