La competizione automobilistica torna in Svizzera in forma elettrica

Contenuto esterno


Zurigo ospita domenica una gara del Campionato mondiale di Formula E.  È la prima volta da oltre 60 anni che un Gran Premio automobilistico si svolge in Svizzera. Il corridore elvetico Sébastien Buemi è uno dei favoriti di questa competizione, che mira ad evidenziare le potenzialità dei veicoli elettrici.

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 giugno 2018 - 16:45

Venti piloti di dieci scuderie si sfideranno domenica a Zurigo per uno degli ultimi GP di Formula E della stagione 2017-2018. Una particolarità di questo campionato è che tutte le gare si svolgono su un circuito tracciato interamente in centro città.

Swiss E-Prix Operations

Con questo GP, Zurigo gioca tra i grandi. Le altre gare della stagione hanno luogo nelle città di Hong Kong, Marrakech, Santiago del Cile, Città del Messico, Punta del Este, Roma, Parigi, Berlino e New York.

L'evento è importante. Alla gara di domenica sono attesi almeno centomila spettatori. Ma già da alcuni giorni, Zurigo ha un po' l'aria di Montecarlo.

L'idea di un campionato di Formula E è nata nel 2002 su iniziativa della Fédération Internationale de l'Automobile (FIA). L'idea di Jean Todt, all'epoca presidente della FIA, era di "dimostrare tutto il potenziale della mobilità sostenibile", si spiega sul sito web della federazione. Questa competizione è dunque recente. La stagione 2017-2018 è solo la quarta del campionato di Formula E.

Uno svizzero segna l'inizio di questa storia della Formula elettrica. Dopo un passaggio attraverso la F3 e poi la F1 – dal 2009 al 2012 per le squadre Toro Rosso e Red Bull – Sébastien Buemi è davvero decollato nella FE.

È stato campione del mondo nella stagione 2015-2016 e vice-campione nelle stagioni 2014-2015 e 2016-2017. In questa stagione, è attualmente al 5° posto.

Un lutto di oltre 60 anni

Il GP di Zurigo è un evento molto speciale poiché è la prima gara automobilistica organizzata nella Confederazione da oltre sei decenni. Una volta c'era un Gran Premio della Svizzera, che si teneva a Berna. Dal 1950 al 1954, contava persino per il Campionato del mondo di F1.

Ma le autorità elvetiche hanno proibito le gare automobilistiche in circuito dopo il dramma della "24 ore di Le Mans". L'11 giugno 1955, una collisione tra due auto che partecipavano alla famosa corsa di endurance francese aveva proiettato detriti nel pubblico, causando 84 morti e 120 feriti.

Contenuto esterno

Nel 2011, la Camera dei Cantoni aveva respinto un'iniziativa parlamentare che chiedeva la revoca del divieto. I senatori avevano ritenuto che consentire le gare non sarebbe stato un buon segnale per la politica ambientale e quella della sicurezza stradale.

Se oggi può essere organizzato il GP di Zurigo, è grazie a una deroga concessa dal governo svizzero nel dicembre 2015 per le gare di veicoli elettrici. "Lo svolgimento di queste gare rientra nell'interesse della Svizzera sotto il profilo sia economico sia della ricerca e sperimentazione nel settore", ha argomentato l'esecutivo federale.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo