Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Industria lattiera svizzera in crisi

In che direzione va l'economia lattiera svizzera?

(swissinfo.ch)

I produttori svizzeri di latte chiedono degli aiuti immediati per affrontare la profonda crisi dell'intero settore.

Il Consiglio federale reagisce: più flessibilità nel contingentamento e più spazio di manovra per gli operatori lattieri.

Da tempo, buona parte del latte, del burro e del formaggio prodotto non riescono ad essere smaltiti sul mercato. A ciò si aggiunge il collasso di Swiss Dairy Food, quello che per importanza era il secondo attore svizzero del settore.

La Confederazione è già corsa più volte al capezzale dell'industria lattiera, soccorrendola con contributi milionari. Un pozzo senza fondo? Un caso simile a quello del grounding di Swissair dello scorso anno?

"Assolutamente no", risponde Jacques Chavaz, vicedirettore dell'Ufficio federale dell'agricoltura, secondo il quale i versamenti statali erano preventivati da tempo. E ulteriori contributi straordinari come accaduto in agosto e settembre non sono immaginabili.

È il momento di trattare

Ora il Consiglio federale propone al parlamento una serie di misure urgenti per risolvere a breve termine i problemi della sovrapproduzione. Dal 2003, i professionisti del ramo dovrebbero poter presentare al governo una domanda comune o domande settoriali per modificare i contingenti. Il Consiglio federale eseguirebbe allora le decisioni prese di comune accordo dai vari operatori lattieri.

Che qualcosa deve cambiare è chiaro a tutti. "Il nostro obiettivo è quello di adeguarci alle regole del mercato il più presto possibile: per quel che riguarda le esportazioni, al più tardi entro la metà del 2003", ha dichiarato il nuovo direttore dell'Associazione svizzera dei contadini, Jacques Bourgeois, in occasione della recente riunione dei Produttori svizzeri di latte (Psl).

Come ha spiegato a swissinfo Stephan Hagenbuch, responsabile dei Psl, la maggioranza dei delegati dovrebbe accettare una riduzione dei contingenti lattieri del 2%.

Alcuni vanno anche oltre: il sindacato contadino Uniterre chiede infatti una riduzione dei contingenti del 4.5%. Il tutto per contrastare i previsti cali dei prezzi dei prodotti lattieri.

"Si produce troppo latte in Svizzera. Una riduzione del 2% non è sufficiente", sostiene Jean-Eugène Pasche, segretario generale di Uniterre. "L'ideale sarebbe un taglio del 10%, ma attuarlo è quasi impossibile".

Come continuare?

Anche in una situazione ideale, un ridimensionamento della produzione del 2% potrebbe non bastare per stabilizzare i prezzi, aggiunge Hagenbuch. Si tratta semplicemente di una soglia attorno alla quale si è riusciti a raggruppare un certo consenso.

Secondo Jacques Chavaz, non può più funzionare a lungo un sistema nel quale lo Stato determina le quantità prodotte mentre prezzi e vendite dipendono dal mercato: urgono adattamenti a corto termine. "Èd è difficile introdurli se i contingenti dipendono dallo Stato".

Crisi generale o no?

Mentre Uniterre parla di una crisi grave e diffusa, Chavaz e Hagenbuch relativizzano la situazione. I problemi non mancano di certo: cali delle vendite del 17%, riduzione dei prezzi a livello mondiale (in Europa - 10-15%) , declino di Swiss Dairy Food.

Ma, nonostante i magazzini siano pieni praticamente ovunque, esistono delle aziende che riescono a prosperare.

Il caro formaggio svizzero

In nessun caso si può però parlare di sovrapproduzione, rileva Jacques Chavaz. La produzione è stabile e le vendite, fino ad inizio 2002, sono state soddisfacenti.

"Il problema riguarda le esportazioni. È qui non è una questione di quantità, ma di prezzi", sottolinea il vicedirettore dell'Ufficio federale dell'agricoltura.

Più della metà del latte prodotto in Svizzera in un anno, cioè 1.6 milioni di tonnellate, è trasformato in formaggio. A causa del prezzo relativamente alto del latte e del corso elevato del franco svizzero, lo smercio all'estero del pur delizioso formaggio elvetico si fa vieppiù difficile.

Negli ultimi 18 mesi la produzione di latte è aumentata del 4.5%, in parte per desiderio degli stessi produttori. Ora toccherà al Consiglio federale decidere se i contingenti saranno effettivamente ridotti.

swissinfo

Fatti e cifre

Da 25 anni, la Svizzera produce circa 3.2 milioni di tonnellate di latte all'anno;
Ciò rappresenta il 3% della produzione europea;
Prezzo (latte normale): tra 77 e 79 centesimi al chilo;
Prezzo (latte bio): 90 centesimi al chilo;
Swiss Dairy Food elaborava il 25% del latte;
Principale industria lattiera svizzera: Emmi.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×