Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

L'Iraq riapre la propria ambasciata in Svizzera

La sede dell'ambasciata svizzera a Bagdad, chiusa dal gennaio 1991

(Keystone Archive)

Autorizzata la riapertura dell'ambasciata irachena a Berna, chiusa da dodici anni. La conferma martedì dal Ministero svizzero degli esteri.

Il regime di Bagdad aveva presentato alle autorità elvetiche, lo scorso mese di febbraio, una domanda per la riapertura dell'ambasciata a Berna. "Dal nostro punto di vista, nulla si oppone alla riapertura della rappresentanza diplomatica irachena. Ciò potrebbe tuttavia durare alcuni mesi, prima che l'ambasciata sia nuovamente attiva ", ha dichiarato Daniela Stoffel, portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), facendo riferimento a problemi di logistica.

Attività umanitarie

L'Iraq ha deciso di chiedere la riapertura dell'ambasciata in Svizzera, chiusa dal dicembre 1990. Il consiglio dei ministri - si legge in un dispaccio dell'agenzia di stampa irachena Ina - «ha dato il suo accordo ad una richiesta, del ministero iracheno degli affari esteri, per la riapertura dell'ambasciata dell'Iraq a Berna».

L'Iraq aveva chiuso la propria rappresentanza diplomatica in Svizzera nel dicembre di dodici anni fa, poco prima dell'inizio della guerra del golfo. Per motivare la chiusura, il governo iracheno aveva invocato ragioni "amministrative e finanziarie". Bagdad ha conservato la sua missione presso l'ONU a Ginevra.

La Svizzera, che non ha mai rotto le relazioni diplomatiche con il regime iracheno, aveva da parte sua chiuso l'ambasciata a Bagdad all'inizio di gennaio del 1991, alla vigilia dello scoppio della guerra del Golfo. Berna aveva in seguito deciso di utilizzare l'ambasciata a Bagdad quale ufficio di collegamento per le proprie attività umanitarie in Iraq.

Il ruolo della Svizzera

La portavoce del DFAE ha anche reso noto che Berna ha l'intenzione di rafforzare la propria presenza a Bagdad. Inizialmente, il personale dell'ufficio di collegamento sarà aumentato. Una riapertura dell'ambasciata potrebbe avvenire entro l'autunno di quest'anno.

La Svizzera non vede alcuna ragione di proporre una mediazione tra Iraq e Stati Uniti sulla questione del ritorno degli ispettori dell'Onu incaricati di verificare l'armamento dell'Iraq. Dopo l'adesione alle Nazioni Unite, che si concretizzerà in settembre, Berna desidera allinearsi sulle decisioni del Consiglio di sicurezza dell'organismo internazionale, ha indicato la signora Stoffel.

Il vice primo ministro iracheno Tarek Aziz ha sottolineato l'interesse di Bagdad per una mediazione svizzera in un'intervista rilasciata al quotidiano svizzero in lingua tedesca "Neue Zürcher Zeitung" e pubblicata nell'edizione in edicola martedì. "Se gli Stati Uniti daranno il loro accordo per un dialogo tra i due Paesi con la mediazione della Svizzera, l'Iraq farà la stessa cosa", ha precisato il vice primo ministro iracheno Tarek Aziz.

swissinfo e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.