La Posta campione svizzero per la creazione di impieghi

La Posta ha creato 2639 nuovi posti di lavoro tra l'inizio di gennaio 1999 e il giugno 2000. Tale dinamismo fa del «gigante giallo» con i suoi 44 492 salariati il campione svizzero di tutte le categorie quale impresa generatrice di impieghi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 agosto 2000 - 15:49

Nella quarta inchiesta sulla creazione di impieghi effettuata dal mensile economico "Bilan", McDonald Svizzera si vede per la prima volta sbalzata dal gradino più alto del podio. Il gigante americano del fast-food, la cui sede elvetica si trova a Crissier (VD), è relegato al quinto rango con 510 impieghi in più su un effettivo di 6234.

I due operatori telecom diAx e Orange ottengono rispettivamente le medaglie d'argento e di bronzo. Il primo ha accresciuto il personale di 1262 unità, a 1909, mentre il secondo ha aumentato gli effettivi da 1112 a 1244.

Insieme, La Posta, diAx e Orange hanno creato non meno di 5000 posti di lavoro tra l'inizio del 1999 e il primo semestre 2000. Ciò corrisponde a circa il 7 percento del totale svizzero.

Banche e assicurazioni hanno esse pure molto aumentato il numero dei dipendenti. L'Unione svizzera delle banche Raiffeisen ha accresciuto gli effettivi di 634 unità, a 5800, e occupa il quarto posto in classifica.

«Bilan» sottoliea d'altro canto che le prime tre imprese della sua classifica incontrano problemi nel reclutare personale qualificato. DiAx cerca di occupare 485 posti di lavoro, Orange 150 e La Posta 60. Circa un terzo delle imprese interpellate, ossia 180, hanno annunciato di avere posti vacanti, in tutto oltre 4000.

«Bilan» effettua la sua inchiesta una volta all'anno con un questionario. 300 imprese hanno risposto all'ultimo sondaggio: complessivamente hanno creato oltre 15'000 posti di lavoro tra il gennaio 1999 e il giugno 2000. Ciò rappresenta quasi un quarto (23 percento) del totale svizzero.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo