La Posta in euro

La Posta si prepara ai clienti euro Keystone

Come le FFS e i grandi magazzini, anche La Posta accetterà gli euro nei suoi uffici dal 3 gennaio 2002. Nella prima fase solo le banconote, poi anche le monete. Entro la metà dell'anno tutti i bankomat postali della Svizzera saranno dotati di banconote euro. Lo rende noto martedì in un comunicato la stessa Posta.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 agosto 2001 - 16:58

L'introduzione della moneta europea avrà ripercussioni anche sulla Posta, che si sta attrezzando al meglio. In 430 uffici delle principali città e aree turistiche e di confine, da gennaio saranno accettate le banconote euro come mezzo di pagamento (per francobolli, lettere, pacchi, cellulari, ecc). Sarà possibile pagare con questa moneta anche i biglietti e gli abbonamenti di alcune linee autopostali, prevalentemente turistiche. L'eventuale resto sarà tuttavia dato in franchi.

Tra la primavera e l'estate 2002 i 599 postmat del Paese saranno in grado di fornire banconote euro. La funzionalità dei servizi non verrà modificata, prosegue la nota della Posta. I prezzi continueranno ad essere indicati esclusivamente in franchi. Negli uffici che accettano l'euro è possibile cambiare i franchi e viceversa. Già dal 1999 Postfinance consente di effettuare versamenti e girate su conti postali in euro, la cui gestione avviene direttamente in valuta europea.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo