Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Mercato dell’energia Le centrali idroelettriche in acque torbide

I produttori svizzeri di elettricità devono sempre più far fronte alla concorrenza di aziende europee, che offrono energia a bassi prezzi sul mercato continentale. Il futuro di molte centrali idroelettriche elvetiche sembra alquanto incerto. (SRF / RTS / swissinfo.ch)

I prezzi stracciati dell’elettricità prodotta con il carbone o con fonti energetiche rinnovabili, sovvenzionate in altri paesi, stanno mettendo in serie difficoltà le centrali idroelettriche svizzere, che forniscono circa il 60% della produzione domestica di elettricità. 

Dopo aver registrato nuovamente pesanti perdite nel 2015, Alpiq ha annunciato in marzo l’intenzione di vendere fino al 49% del suo portafoglio idroelettrico. Alcuni investitori, tra cui fondi pensione, hanno annunciato il loro interesse, ma sussistono non pochi timori sulle prospettive di redditività delle centrali idroelettriche a lungo termine. 

Nella sua Strategia energetica 2050, il governo svizzero punta su un’ulteriore sviluppo del settore idroelettrico, che dovrebbe rappresentare anche in futuro un pilastro del mix energetico nazionale e che dovrebbe addirittura assumere un’importanza maggiore nei prossimi decenni con la fine dell’era nucleare. 

Resta però da vedere come le centrali idroelettriche, considerate a lungo il fiore all'occhiello della produzione energetica svizzera, riusciranno ad affrontare questi tempi difficili.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.