Più mezzi al personale infermieristico

il personale infermieristico chiede di più per la cura degli anziani swissinfo.ch

Più mezzi di cura per la geriatria e la lungodegenza, come pure investimenti nella formazione: li chiede il congresso dell'Associazione svizzera infermiere e infermieri (ASI), riunito per tre giorni a Zurigo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 maggio 2001 - 13:55

I circa 1500 congressisti hanno approvato una risoluzione in cui si impegnano per una rivalutazione delle cure geriatriche e di lungodegenza, indica una nota odierna dell'ASI, che conta circa 27'000 membri.

La cura delle persone anziane è particolarmente complessa ed esigente. Non va quindi lasciata ad ausiliari a buon mercato, afferma l'associazione. La cura delle persone anziane, quindi, non va trascurata, malgrado implichi dei costi sempre crescenti per la società.

Anche sul fronte della formazione professionale l'ASI lancia un'offensiva.
Il personale infermieristico auspica infatti una professionalizzazione dell'accompagnamento pratico degli apprendisti.

Il traguardo è quello di migliorare gli stages di pratica negli ospedali, permettendo un'assistenza adeguata dei giovani in formazione, senza intaccare la qualità del servizio medico per le persone in degenza.

Come i maestri d'apprendistato nelle altre professioni, gli «accompagnatori» dovrebbero seguire una formazione specifica e godere di uno status professionale riconosciuto e pagato di conseguenza.

In un'altra risoluzione i congressisti chiedono all'ASI di elaborare criteri professionali ed etici in modo che possa prendere posizione in tutte le votazione federali che hanno per argomento la sanità.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo