Più posti d'apprendistato, ma non per tutti

Trovare un posto di tirocinio è comunque più facile per gli svizzeri di sesso maschile; per stranieri e donne la situazione rimane difficile Keystone

La situazione sembra in costante miglioramento sul fronte del mercato dell'apprendistato. Entro la fine dell'anno dovrebbero essere conclusi circa 74'500 contratti, ossia il 3 per cento in più del 1999. Ma 8000 giovani resteranno a mani vuote.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 novembre 2000 - 14:11

Il barometro dei posti di tirocinio, pubblicato venerdì dall'Ufficio federale della formazione professionale (UFFP), conferma il miglioramento registrato lo scorso anno. L'ottimismo deriva dal fatto che, oltre due mesi fa, al momento del rilevamento dei dati, non era ancora stato attribuito l'11 per cento dei posti offerti, contro il 7 per cento nel 1999.

A fine agosto, la maggior parte dei 2335 giovani interrogati aveva trovato una soluzione, almeno transitoria. Mentre il 53 per cento aveva trovato un posto d'apprendistato, oltre un quarto aveva deciso di restare nel sistema scolastico. Inoltre, il 16 per cento ha adottato una soluzione intermedia, come un soggiorno linguistico o uno stage pratico.

Di questa percentuale, solo un giovane su dieci ha già ottenuto la promessa in vista di un posto di tirocinio, mentre gli altri sono ancora alla ricerca di una soluzione. Il barometro dei posti d'apprendistato calcola che 8000 giovani (pari al 7 per cento) alla ricerca di un posto d'apprendistato non l'avranno l'anno prossimo.

Altra constatazione: è preferibile essere di sesso maschile e di nazionalità svizzera per trovare un posto. Tra i giovani stranieri, solo il 58 per cento ha ottenuto un contratto di tirocinio, contro l'82 per cento degli svizzeri. La situazione è ancora peggiore per le giovani straniere: praticamente solo una su due è stata assunta come apprendista.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo