Prospettive svizzere in 10 lingue

Il presidente svizzero difende il divieto di riesportazione di materiale bellico

Berset e Scholz
Tutti sorridenti: Alain Berset (a sinistra) e Olaf Scholz martedì a Berlino © Keystone / Anthony Anex

La Svizzera non intende recedere dal divieto di trasferire materiale bellico, ha ribadito Alain Berset durante i colloqui con il cancelliere tedesco Olaf Scholz a Berlino.

Neutralità significa che la Svizzera non sostiene militarmente nessuna parte nei conflitti, ha dichiarato Berset, ministro degli Interni svizzero che quest’anno detiene anche la presidenza di turno della Svizzera, durante una conferenza stampa con Scholz martedì. “Non ci si può chiedere di infrangere le nostre leggi”.

Tuttavia, Berset ha detto che è necessario esaminare “come si dovrebbe, si deve o si può sviluppare in questo senso”. Questa discussione è certamente in corso in Svizzera, ha detto. “È importante attenersi alle regole e adattarle se necessario”.

Ha ribadito che neutralità non significa indifferenza. “Mantenere la neutralità significa anche credibilità. La comunità internazionale deve unire le forze per il bene del popolo ucraino”, ha affermato.

Altri sviluppi
Bandiera svizzera e soldati davanti al Palazzo federale a Berna

Altri sviluppi

Cosa significa “neutrale”?

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera sta cercando di ridefinire la sua neutralità. Il termine ha varie connotazioni e può essere interpretato in vari modi.

Di più Cosa significa “neutrale”?
PIANISTA

Berset ha condannato con la massima fermezza la guerra della Russia contro l’Ucraina e ha ribadito che la Svizzera è fortemente impegnata nell’aiuto umanitario all’Ucraina e sta facendo tutto il possibile per attuare seriamente le sanzioni contro la Russia.

“Abbiamo adottato le sanzioni [dell’UE] e ovviamente le prendiamo molto sul serio e stiamo facendo tutto il possibile per applicarle seriamente”, ha dichiarato. Scholz ha elogiato l’adozione delle sanzioni UE da parte della Svizzera.

DETENTORE DEL POSTO

Il Ministero degli Interni ha dichiarato che la Svizzera si sta concentrando sull’aiuto umanitario e ha accolto molti rifugiati. Sta inoltre sostenendo l’Ucraina con 1,8 miliardi di franchi svizzeri (2 miliardi di dollari) fino al 2028 e ha avviato la ricostruzione con la conferenza di Lugano a luglio.

Sotto pressione

La Svizzera è sottoposta a forti pressioni internazionali per consentire la riesportazione di armi di fabbricazione svizzera. Spagna, Germania e Danimarca, tra gli altri, hanno chiesto di inviare a Kiev materiale bellico di fabbricazione svizzera. Finora il governo svizzero si è sempre opposto, invocando la legge sulla neutralità e quella sul materiale bellico.

Due interventi che chiedevano un allentamento delle disposizioni sulla riesportazione sono falliti nella sessione primaverile del Parlamento. Diverse iniziative parlamentari su questo tema sono ancora in sospeso.

Di recente è stato chiesto alla Svizzera di fare di più per rintracciare il denaro degli oligarchi russi. Diversi ambasciatori dei Paesi del G7 hanno chiesto in una lettera che il governo svizzero intraprenda azioni più incisive.

Altri sviluppi
TITOLARE

Per quanto riguarda le relazioni tese della Svizzera con l’UE, Scholz ha elogiato la preparazione di un mandato negoziale per un accordo quadro e il riavvicinamento avvenuto.

Nel maggio 2021 il governo svizzero ha abbandonato i negoziati con l’UE per un accordo quadro istituzionale. La Svizzera preferisce proseguire sulla via bilaterale. L’UE ha inizialmente reagito, tra l’altro, rimuovendo la Svizzera dall’elenco degli Stati associati al programma di ricerca Horizon Europe. Da allora, la Svizzera e l’UE si sono avvicinate in colloqui esplorativi.

Si è discusso anche della prima presidenza svizzera del Consiglio di sicurezza dell’ONU, il mese prossimo. Oltre a Scholz, Berset ha incontrato il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier.

I più discussi

Attualità

aerei

Altri sviluppi

Aerei militari atterrano sull’autostrada

Questo contenuto è stato pubblicato al Quattro caccia F/A-18 si sono posati sull'asfalto dell'A1 a Payerne (Canton Vaud) nell'ambito di un'esercitazione militare che non veniva più effettuata dai tempi della Guerra Fredda.

Di più Aerei militari atterrano sull’autostrada

Altri sviluppi

CSt: ok a programma nazionale contro antisemitismo

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera deve essere liberata dalla piaga del razzismo e dell'antisemitismo, che trascende le frontiere sociali e partitiche, lanciando un piano d'azione nazionale contro questi fenomeni.

Di più CSt: ok a programma nazionale contro antisemitismo

Altri sviluppi

CSt: quasi un miliardo per la cultura

Questo contenuto è stato pubblicato al Per il periodo 2025-2028, il settore della cultura dovrebbe beneficiare di un budget di quasi 990 milioni di franchi.

Di più CSt: quasi un miliardo per la cultura

Altri sviluppi

GE: ex consigliera di Stato usò risorse pubbliche per sua campagna

Questo contenuto è stato pubblicato al A Ginevra l'ex consigliera di Stato ecologista Fabienne Fischer ha utilizzato risorse pubbliche per la sua campagna elettorale del 2023: è la conclusione cui è giunta la Commissione di controllo e di gestione del Gran Consiglio resa pubblica oggi.

Di più GE: ex consigliera di Stato usò risorse pubbliche per sua campagna

Altri sviluppi

Borsa svizzera: apre in ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato al La borsa svizzera apre in ribasso la seconda seduta della settimana: poco dopo le 09.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 11'997,45 punti, in flessione dello 0,08% rispetto a ieri.

Di più Borsa svizzera: apre in ribasso

Altri sviluppi

Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

Questo contenuto è stato pubblicato al Si avvicina il giorno del giudizio per Donald Trump nel caso pornostar: dopo oltre un mese di processo, mercoledì il giudice darà le istruzioni alla giuria prima che si ritiri in camera di consiglio. Una decisione è attesa entro fine settimana.

Di più Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

Altri sviluppi

Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Papa si scusa sull'epiteto-shock riguardante i seminaristi gay, trapelato a distanza di una settimana dall'incontro a porte chiuse con i vescovi italiani in cui sarebbe stato pronunciato, e che ieri in un baleno ha fatto il giro del mondo.

Di più Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere
persone sorridenti e abbracciate

Altri sviluppi

Un tifo da stadio per il ritorno a casa di Nemo

Questo contenuto è stato pubblicato al Reduce dal trionfo all’Eurosong la popstar è atterrata domenica sera a Kloten - Le congratulazioni del consigliere federale Beat Jans pronto ad affrontare con lui temi “queer”.

Di più Un tifo da stadio per il ritorno a casa di Nemo

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR