Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Tecnologia svizzera in orbita

L'India ha messo in orbita con successo cinque satelliti, tra cui il TIsat-1 costruito dalla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

Il lancio è avvenuto alle 05:52 di mercoledì dalla base spaziale di Sriharikota, nello stato meridionale dell'Andhra Pradesh. L'inizio della missione del razzo Pslv (Polar Satellite Launch Vehicle), realizzato dagli scienziati dell'Organizzazione Spaziale Indiana di Ricerca, è stato seguito in diretta dalla sede del dipartimento tecnologie innovative della SUPSI, indica una nota odierna.

Oltre al satellite ticinese - lungo 10 centimetri e pesante un chilogrammo - sono stati lanciati anche un satellite algerino e due nano satelliti sviluppati in Canada e in India, quest'ultimo da studenti universitari di Hyderabad e Bangalore.

Il quinto satellite Cartosat 2B è in grado di fornire immagini ad alta risoluzione capaci di rilevare oggetti fino a un metro dalla superficie terrestre. È il terzo della serie (Cartosat 2 e Cartosat 2A sono già in orbita) e permetterà di completare la cartografia del territorio indiano, precisa l'agenzia di stampa italiana ANSA.

Il TIsat-1 non è il primo satellite svizzero proiettato nello spazio. Il 23 settembre 2009, sempre dalla base spaziale indiana, è stato lanciato il satellite SwissCube, creato interamente nella Svizzera romanda grazie alla collaborazione fra il Politecnico di Losanna, le Scuole universitarie professionali e l'Università di Neuchâtel.

swissinfo.ch e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×