Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Terremoto devasta Haiti

Sono numerose le persone sotto le macerie.

(Keystone)

Un terremoto di magnitudo 7,3 sulla scala Richter ha colpito martedì Haiti. L‘epicentro è stato localizzato vicino alla capitale Port-au-Prince. La Svizzera ha deciso di inviare sul luogo del disastro una squadra di intervento urgente.

Il sisma ha fatto registrare una decina di scosse nel giro di poche ore - la prima attorno alle 23 svizzere – e ha provocato numerosi crolli di edifici, fra i quali ci sono numerosi ospedali e il palazzo presidenziale di Port-au-Prince.

«Tutto ha ballato, la gente ha urlato, le case hanno cominciato a crollare. Il caos è totale», ha commentato così il disastro un giornalista della Reuters sul posto.

Nell’area colpita, dove vivono almeno 1,8 milioni di persone, le comunicazioni telefoniche sulla rete fissa e su quella mobile sono fuori uso e così nessuna notizia arriva dalle fonti ufficiali del governo.

«Parlare di centinaia di vittime assomiglia ad una pietosa sottovalutazione», ha commentato un dirigente di una organizzazione di volontariato.

Intanto, si segnalano già i primi furti. Un gruppo di uomini e donne ha saccheggiato nella notte un supermercato crollato per il terremoto. Sono segnalate anche altre azioni di sciacallaggio un po’ ovunque nella capitale.

Colpita anche la sede dell’ONU

Anche il quartier generale della missione militare e civile dell’Onu è stato raso al suolo. «Siamo tremendamente preoccupati. Non riusciamo a stabilire alcun contatto con i nostri collaboratori (9'000 persone, fra i quali anche degli svizzeri, ndr.)», ha affermato un portavoce delle Nazioni unite.

Nel paese più povero del Continente americano, sono stati gli edifici più alti e moderni a crollare come cartapesta: ospedali, il palazzo presidenziale, vari ministeri, hotel cosiddetti di lusso, edifici per uomini d'affari, grandi magazzini.

Intanto, il vicepresidente della Croce Rossa internazionale Massimo Barra ha comunicato che tre dei quattro ospedali di Port-au-Prince sono crollati e che l'unico rimasto in piedi non può più accogliere altri feriti.

Solidarietà internazionale

La macchina internazionale dei soccorsi non ha tardato a mettersi in moto. I primi a muoversi sono stati gli Stati uniti. Il presidente Barack Obama e la segretaria di stato Hillary Clinton hanno promesso aiuti immediati. «Siamo pronti a inviare mezzi civili e militari per aiutare le persone colpite dal disastro», ha spiegato la Clinton .

Anche la Svizzera ha deciso di inviare subito una squadra d'intervento urgente. Il gruppo partirà oggi, mercoledì, e dovrà servire da «testa di ponte» per valutare sul posto quali sono i bisogni.

Il portavoce del Dipartimento federale degli affari esteri Lars Knuchel ha precisato che le autorità elvetica sono in contatto con l’ambasciata a Port-au-Prince e con l’ufficio di cooperazione della Direzione dello sviluppo e della cooperazione.

swissinfo.ch e agenzie

Haiti

Haiti occupa la metà occidentale dell'isola di Hispaniola, dove Cristoforo Colombo attraccò al termine del suo primo viaggio nel 1492.

La capitale è Port-au-Prince. La popolazione supera i 9 milioni di abitanti.

Il tasso di alfabetizzazione è del 45%, l'aspettativa di vita è di circa 50 anni.

La popolazione totale è per il 95% di neri e per il 5% di mulatti e bianchi.

È il paese più povero dell'intero continente americano: 80% degli haitiani vive al di sotto della soglia di povertà e il 50% nella miseria più totale.

Fine della finestrella

Aiutare è possibile

La Catena della Solidarietà ha aperto un conto in favore delle vittime del sisma.

Sta inoltre preparando con le organizzazioni umanitarie svizzere gli aiuti che si estenderanno dall’intervento d’urgenza fino alla ricostruzione nei mesi prossimi.

Le donazioni possono essere versate sul conto postale 10-15000-6 con l’annotazione ««Haïti».

Fine della finestrella
(swissinfo.ch)


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.