Navigation

Commissione CSt non vuole abbandonare completamente l'atomo

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 agosto 2011 - 19:25
(Keystone-ATS)

La Commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia (CAPTE) del Consiglio degli Stati non vuole affossare completamente l'opzione nucleare.

Ha quindi modificato una mozione approvata in giugno dal Consiglio nazionale precisando che lo stop alla costruzione di centrali riguarda solo quelle "della generazione attuale". La richiesta di chiudere immediatamente gli impianti esistenti non conformi alle esigenze in materie di sicurezza è invece rimasta invariata.

Nella votazione complessiva la CAPTE ha approvato la nuova versione della mozione con undici voti a favore, nessun contrario e due astenuti, ha spiegato il presidente della Commissione Rolf Schweiger (PLR/ZG) davanti ai media.

Membri dei Verdi, dei Verdi liberali e del PS si sono detti soddisfatti della decisione, nonostante l'indebolimento del testo. Si è trattato di permettere ai fautori del nucleare di salvare la faccia, ha sostenuto Luc Recordon (Verdi/VD).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?