Your browser is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this websites. Learn how to update your browser[Chiudi]

Internet e cittadinanza attiva


Il blogger della democrazia diretta in Italia



Di Sonia Fenazzi, Rovereto, provincia di Trento (Italia)




 Altre lingue: 2  Lingue: 2

Editore di libri e video, organizzatore di workshop, blogger, militante: il 46enne Paolo Michelotto è tutto questo. Ma il trentino è soprattutto un grande divulgatore della democrazia diretta in Italia. swissinfo.ch lo ha incontrato per ritracciare il suo percorso.

Paolo Michelotto è un grande divulgatore della democrazia diretta in Italia. Nel suo blog si trova una sorta di biblioteca online gratuita su questo tema. (swissinfo.ch)

Paolo Michelotto è un grande divulgatore della democrazia diretta in Italia. Nel suo blog si trova una sorta di biblioteca online gratuita su questo tema.

(swissinfo.ch)

"Guida alla democrazia diretta – In Svizzera e oltre frontiera": edito nella Confederazione e pubblicato con il sostegno della Cancelleria federale e di Presenza Svizzera, questo manuale è stato letto da diverse migliaia di italiani, benché nella lingua di Dante ne siano state stampate solo mille copie.

La sua ampia diffusione nel Belpaese è in gran parte merito di Paolo Michelotto, che ha messo in rete la guida, permettendo a ogni internauta di leggerla e scaricarla gratis. Inoltre il blogger esorta chiunque desideri far conoscere la democrazia diretta, a metterla a sua volta a disposizione su internet. Invito accolto da vari gruppi che rivendicano "più democrazia" in Italia.

Si tratta di una strategia che l'editore ha applicato per i libri sulla democrazia diretta di cui è coautore, oppure che ha contribuito a far tradurre in italiano, o che ha letto e giudicato interessanti.

Ma cosa lo avrà spinto ad interessarsi della democrazia diretta in Svizzera e a volerla far conoscere ai suoi connazionali? "Il disagio in un'Italia dove al governo si alternavano Silvio Berlusconi e Romano Prodi", ci risponde pacatamente Paolo Michelotto, che incontriamo a Rovereto, la città del Trentino in cui abita adesso.

Cercando un’alternativa

Bilancio partecipativo

Il bilancio partecipativo è uno strumento che coinvolge i cittadini nella politica pubblica, solitamente comunale (ma può essere applicato anche ad altri livelli). Il Comune assegna una quota del bilancio alla gestione diretta dei cittadini, i quali – attraverso un percorso di dialogo pubblico – interagiscono sulle scelte di spese e investimenti pianificati dall’amministrazione.

Il bilancio partecipativo più famoso è quello di Porto Alegre (Brasile). Iniziato nel 1989, divenne celebre a livello internazionale in seguito al Forum sociale mondiale svoltosi nella città brasiliana nel 2001. Il bilancio partecipativo ha cominciato a diffondersi anche in Italia.

"Era la fine degli anni '90 e io mi sentivo limitato da quella situazione. Perciò cercavo di capire cosa c'era all'estero, come funzionava la democrazia. Dapprima ho scoperto il bilancio partecipativo di Porto Alegre. È già stata una bella sorpresa: a quel momento pensavo che fosse la forma di democrazia più evoluta che ci fosse al mondo".

Paolo Michelotto, che si getta a capofitto nello studio di questo tema, nel 2001 pubblica il libro "Vera democrazia". L'anno seguente, contribuisce alla nascita del Gruppo Bilancio Partecipativo di Vicenza, la città in cui vive all’epoca. "Eravamo dei cittadini senza legami con partiti politici che volevano partecipare alla gestione della cosa pubblica".

Ne parlano con i consiglieri comunali, il sindaco, gli esponenti delle istituzioni, ma si scontrano con un rifiuto totale di apertura. "Allora abbiamo cominciato a partire dal basso: abbiamo organizzato delle riunioni per raccontare come funzionava il bilancio partecipativo. Eravamo dai tre ai dieci organizzatori, a seconda dei momenti, e centinaia di partecipanti".

Guardando alla Confederazione

Nel frattempo Paolo Michelotto continua a leggere intensamente e "scopre" la democrazia diretta in Svizzera e in altri paesi. Approfondisce le sue conoscenze, le condivide e, con i colleghi del Gruppo, cerca il modo di portare a Vicenza gli strumenti che i cittadini elvetici utilizzano regolarmente.

Il processo evolve. Il 2005 è un anno significativo: il Gruppo cambia nome, diventa "Più Democrazia", crea il proprio sito internet curato da Michelotto, promuove il referendum consultivo (non vincolante) per introdurre i referendum propositivo e abrogativo con quorum molto basso a Vicenza. Da quel momento tutte le attività sono messe in rete e dunque la visibilità si amplifica notevolmente.

Nel 2007 si trasferisce a Rovereto, dove prosegue l'attivismo. Contribuisce alla nascita di PartecipAzione Cittadini Rovereto, cura il sito del gruppo. L'anno seguente è tra i promotori di quattro referendum comunali per Più Democrazia, pubblica il libro "Democrazia dei Cittadini" e crea il suo blog personale.

Paolo Michelotto compie un vero e proprio salto in avanti nella propagazione delle conoscenze, mettendo online i libri.

"In Italia si parlava spesso a vanvera senza sapere nulla, si parlava di utopie senza sapere che invece in paesi come la Svizzera, vale a dire appena dall'altra parte del confine, la democrazia diretta è praticata e funziona bene. Adesso c'è molta più consapevolezza", rileva.

La parola ai cittadini

Le nuove tecnologie di comunicazione sono state uno strumento di divulgazione fondamentale, tanto più che i media tradizionali italiani non trattano questo tema, osserva Paolo Michelotto, che ormai è conosciuto in tutta Italia e viene chiamato in tutte le province per fornire informazioni sulla democrazia diretta e presentare "La parola ai cittadini".

"È un metodo che abbiamo creato nel 2003 a Vicenza per fare presentare delle proposte ai cittadini riuniti in assemblea pubblica, discuterle ordinatamente e votarle, per poi trasformarle in mozioni da portare in consiglio comunale". Da allora, questo metodo è stato utilizzato tante volte in tutti gli ambiti, in giro per l'Italia. Per alcuni anni, Paolo Michelotto lo ha portato anche in un liceo a Trento.

Le azioni per far conoscere la democrazia diretta in Italia si sono moltiplicate, così come i suoi promotori, che hanno ottenuto dei risultati. In parecchi comuni ora ci sono strumenti di democrazia diretta, il quorum è stato abolito o abbassato.

Nuove speranze

Adesso Paolo Michelotto ha allentato un po' il ritmo. Non dedica più tutto il suo tempo libero esclusivamente alla democrazia diretta. Ha deciso di dare spazio anche alla sua vita familiare. Anche perché è fiducioso.

"Non c'è più solo l'Iniziativa per più democrazia in Alto Adige. Più democrazia in Trentino si sta battendo con molta energia. Ci sono giovani che fanno altrettanto in Friuli-Venezia Giulia, nel Veneto. Ci sono dei consiglieri comunali che mi avevano chiamato per delle serate informative sulla democrazia diretta quando erano semplici candidati e ora che sono stati eletti la stanno introducendo passo dopo passo".

Meno ottimista, Paolo Michelotto è sul piano nazionale. "L'unico partito che potrebbe fare qualcosa per introdurre il referendum è il Movimento 5 Stelle. Ha consiglieri comunali e regionali che portano avanti questi temi con convinzione. Ma a livello nazionale ha ancora grosse difficoltà a digerire bene cos'è la democrazia diretta. Però, a forza di esserci esponenti con il loro simbolo che parlano di democrazia diretta, anche i vertici nazionali del partito si dovranno adeguare alle richieste dei loro elettori", conclude con un lume di speranza.

Giornate della democrazia

Tra le manifestazioni di cui è stato promotore Paolo Michelotto vi sono la Settimana della democrazia diretta, svoltasi nel 2011 in una ventina di città italiane, e le Giornate della democrazia (in alcuni casi denominate Democray Day) che si sono tenute a partire dallo stesso anno in svariate località, in collaborazione con le autorità comunali. Le più importanti negli ultimi due anni sono state quelle di Parma (2013) e di Vignola, in provincia di Modena (2015).

"A Parma ai cittadini era stato promesso che quello che avrebbero deciso e deliberato lì sarebbe poi stato attuato. Alla fine del 2014, l’amministrazione comunale lo ha effettivamente fatto. Per esempio ha introdotto i referendum propositivo e abrogativo senza quorum, il consigliere comunale aggiunto per gli stranieri e altri elementi voluti dai cittadini", spiega Michelotto, aggiungendo che la stessa cosa sta avvenendo a Vignola.


swissinfo.ch

×