Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

«L'adesione svizzera all'Onu è pagante»

La Svizzera e l'Onu: una relazione ufficiale dal settembre 2002

(Keystone)

Tre anni fa, la Svizzera ha aderito all'Onu. Per il ministro elvetico dell'economia, è stata una decisione pagante, che non ha pregiudicato la neutralità.

Lunedì, a Pfäffikon, davanti all'Associazione Svizzera-Onu, Joseph Deiss ha stilato un bilancio positivo dell'impegno elvetico alle Nazioni unite.

Tre anni dopo l'adesione all'Organizzazione delle Nazioni Unite, Joseph Deiss – ministro elvetico dell'economia – stila un bilancio positivo dell'esperienza svizzera. Secondo Deiss, che a Pfäffikon ha parlato davanti all'Associazione Svizzera – Onu, la neutralità del paese non ha sofferto. Inoltre, le iniziative presentate dalla Svizzera alle Nazioni unite sono state «coronate di successo».

Contrariamente a quanto affermavano gli avversari dell'adesione, la Svizzera non è divenuta «il burattino delle grandi potenze». «Al contrario», ha sottolineato il consigliere federale, «la Confederazione continua a stabilire da sola la sua politica estera».

Per Deiss, la prova risiede nelle iniziative presentate dalla Svizzera e nei riscontri ottenuti. Per quanto riguarda la riforma dell'Onu, «la Svizzera ha preso l'iniziativa e ha proposto delle soluzioni» con il sostegno di altri piccoli paesi.

Accettata l'idea svizzera

La Confederazione propone in particolare un allargamento del Consiglio di sicurezza. Così facendo si aumenterebbe la rappresentatività di uno degli organi Onu più importanti. Inoltre, ha ricordato Deiss, l'idea svizzera di sostituire l'attuale Commissione per i diritti umani con un Consiglio dei diritti umani è stata accettata. Un passo ritenuto utile dal ministro elvetico dell'economia per ristabilire la fiducia nei confronti del lavoro svolto dall'Onu a questo proposito.

«Tuttavia, se non ci saranno delle riforme dell'amministrazione Onu, queste modifiche non avranno un grande effetto», ha aggiunto Deiss. «Se l'Onu vuole davvero essere in condizione d'agire, il suo Segretariato deve ottenere un margine di manovra più ampio. Contemporaneamente, dovrebbe rendere conto delle sue azioni in modo più dettagliato ai paesi membri». Questo permetterebbe di evitare gli errori commessi dai dirigenti.

Secondo Deiss, l'adesione svizzera all'Onu si è rivelata «pagante». «La politica che seguiamo all'Onu è utile ai nostri interessi». Per la Svizzera, ha concluso il ministro dell'economia, è importante contribuire ad assicurare la stabilità e la giustizia nel mondo.

swissinfo e agenzia

Fatti e cifre

Gli svizzeri hanno accettato di aderire all'Onu nel marzo del 2002 (referendum).
L'entrata ufficiale della Confederazione nelle Nazioni unite è avvenuta il 10 settembre 2002.
Dal 1948 al 2002, la Svizzera ha partecipato ai lavori come osservatore.
Il 16 marzo 1986, l'adesione all'Onu era stata rifiutata dal 75% della popolazione e da tutti i cantoni.

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×