Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Lavoratori stranieri ancora aumentati

La crisi non frena l'afflusso di lavoratori stranieri in Svizzera. Nel secondo trimestre 2009 gli stranieri domiciliati occupati sono cresciuti del 5% rispetto allo stesso periodo del 2008. In calo invece i frontalieri. Con il 7,2%, il tasso degli inoccupati fra gli stranieri era più del doppio di quello degli svizzeri (3,1%).

Dalle cifre sulle forze di lavoro 2009, pubblicate giovedì dall'Ufficio federale di statistica (UST), risulta che le progressioni più elevate degli stranieri occupati in Svizzera sono state segnate dai tedeschi (+25mila, +18%), francesi (+5mila, +10%) e portoghesi (+11mila, +9%).

In totale nel secondo trimestre il numero di occupati stranieri con residenza permanente erano 974mila. Inoltre c'erano 282mila lavoratori stranieri non residenti in permanenza, ossia 4'100 in meno
(-1,4%) del pari periodo dell'anno precedente: il 93% erano frontalieri, il resto dimoranti temporanei.

Nello stesso periodo gli svizzeri occupati sono rimasti stabili (+0,1%) a 3,306 milioni. La quota di stranieri occupati residenti in permanenza in Svizzera era del 23%. Le proporzioni più elevate si trovavano nella Regione del Lemano, con il 33%, e in Ticino, con il 28%.

swissinfo.ch e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.