Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Expo.02 ha aperto le porte

Bienne, Morat, Neuchâtel e Yverdon: quattro città, quattro arteplages

(swissinfo.ch)

Grande evento per la Svizzera: dopo una lunga odissea, l'esposizione nazionale ha aperto mercoledì i battenti. Expo.02 vuole presentare una visione pluralistica di una Svizzera in movimento.

Per la sesta volta nella sua storia, la Svizzera propone una sua esposizione nazionale. Expo.02 si estende su una delle regioni più affascinanti del paese, la "regione dei tre laghi", nello splendido paesaggio dominato dai laghi di Bienne, Neuchâtel e Morat.

Sulle loro rive, i visitatori potranno scegliere tra 38 padiglioni dell'esposizione, suddivisi in 5 tematiche: "Potere e libertà" a Bienne, "Istante e eternità" a Morat, "Natura e artificio" a Neuchâtel, "Io e l'universo" a Yverdon-les-Bains e "Senso e movimento" sull'arteplage mobile del Giura - una chiatta che naviga sui tre laghi.

Un'occasione di riflessione

Sull'arco di 5 mesi, la Svizzera vuole presentarsi non tanto come il paese della cioccolato, ma intende piuttosto provocare delle riflessioni. "Il nostro obbiettivo è di offrire un'esposizione pluridimensionale, che possa diffondere del calore e, nel contempo, sollevare alcuni interrogativi" ha sottolineato la direttrice Nelly Wenger. "L'Expo si prefigge di presentare una Svizzera composita e in movimento, alla ricerca di nuovi orizzonti".

Le esposizioni nazionali in Svizzera hanno quasi sempre lasciato un'impronta su intere generazioni. L'expo '64 di Losanna ha ritratto l'avvento di una società modellata dalle nuove tecnologie. La "Landi" tenuta nel '39 a Zurigo ha posto invece l'accento sulla volontà di resistenza del popolo svizzero. Quale immagine resterà di expo.02?

Un'esposizione nazionale costituisce però anche una festa popolare: 1'500 spettacoli con 10'000 rappresentazioni, nonché diverse giornate speciali, sono previsti fino al 20 ottobre. Gli organizzatori sperano di accogliere quasi 5 milioni di visitatori.

Un progetto tormentato

I primi schizzi della nuova esposizione nazionale risalgono già a 8 anni fa. Da allora, il progetto ha rischiato più volte di fallire, la direzione è stata sostituita, problemi personali e finanziari hanno monopolizzato l'attenzione. Il parlamento è stato costretto ad accordare a più riprese nuovi crediti per garantire la realizzazione dell'expo. Per finire, la Confederazione dovrà prendersi a carico 838 milioni di franchi, oltre la metà del budget complessivo di 1,5 miliardi di franchi (1 miliardo di euro).

swissinfo

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×

In evidenza