L'amore sboccia fra chi guadagna uguale

Non sempre gli opposti si attraggono: negli ultimi anni gli svizzeri tendono più spesso a trovare l'amore all'interno della loro categoria di reddito. Immagine d'archivio. KEYSTONE/LEO DUPERREX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 marzo 2019 - 14:45
(SDA-ATS)

Non sempre gli opposti si attraggono: negli ultimi anni gli svizzeri tendono più spesso a trovare l'amore all'interno della loro categoria di reddito.

È quanto mette in luce uno studio realizzato da ricercatori di Losanna e Neuchâtel e pubblicato nella rivista Social Change in Switzerland.

Le coppie formate per esempio da persone appartenenti allo stesso ceto o ambito professionale sono definite omogame. L'équipe formata da Laura Ravazzini, Ursina Kuhn e Christian Suter, basandosi su dati statistici fra cui la rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera, ha dimostrato che l'omogamia è aumentata per quanto riguarda il reddito e il livello di formazione.

Sia per gli individui a basso reddito sia per quelli ad alto, la probabilità che il partner guadagni uno stipendio simile è cresciuta, viene indicato oggi dalla rivista in un comunicato.

Tra il 1992 e il 2014, la proporzione di coppie in cui entrambi hanno un diploma universitario è passata dal 3% al 13%, mentre la quota di quelle che hanno portato a termine una formazione di grado secondario II (come attestati federali di capacità, maturità liceale e maturità professionale) è scesa dal 36% al 27%.

Gli uomini hanno un livello di educazione superiore rispetto a quello della donna nel 20% dei casi (era il 28% nel '92). Trend opposto per le coppie in cui è la persona di sesso femminile ad aver studiato più del compagno, salite dal 7% al 12%. Gli autori della ricerca fanno notare che quando le donne scelgono un partner con una formazione inferiore, quest'ultimo solitamente ha un salario elevato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo