Navigation

Morto Richard Harrison, star polizieschi all'italiana

Morto Richard Harrison, recentemente era conosciuto per il programma televisivo "Pawn Stars" (in italiano "Affari di famiglia"). KEYSTONE/AP History sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 giugno 2018 - 21:34
(Keystone-ATS)

Era conosciuto come il vecchio Harrison (Old Man Harrison) e in Italia era diventato famoso negli anni '60 come protagonista di film di genere, tra le altre cose. A 77 anni se ne è andato Richard Harrison dopo aver perso la sua battaglia contro il Parkinson.

L'attore, originario di Salt Lake City, in Utah, si era trasferito in Italia agli inizi degli anni '60 e si era fatto un nome recitando in film considerati di solito di serie B, come il genere spaghetti western, alcuni polizieschi all'italiana e persino di spionaggio. Tra i suoi maggiori successi, 'Un gladiatore invincibile' (1961), 'Colpo maestro al servizio di Sua Maestà britannica (1967), 'Le spie uccidono a Beirut' (1965). Alla fine degli anni '78 era apparso anche in televisione nello sceneggiato televisivo della Rai, 'Il balordo'.

Negli anni '80, invece, si trasferì a Hong Kong dove fu protagonista di film Ninja, ma dopo alcuni anni decise di tornare negli Stati Uniti, deluso sopratutto dall'esperienza asiatica, e si ritirò definitivamente dal cinema. Dopo l'addio al cinema, Harrison si trasferì a Las Vegas dove aprì un banco dei pegni non lontano dalla Strip e la ditta, dopo alcuni anni, divenne protagonista della serie 'Pawn Stars' in onda su History Channel. Lo show aveva come protagonista degli esperti locali che si recavano nel negozio di Harrison per aiutare a valutare gli oggetti più strani e curiosi che la gente portava in cambio di soldi. L'attore faceva invece la parte del brontolone, di poche parole e facilmente irritabile. Nonostante ciò, a poche settimane dal debutto, 'Prawn Stars' divenne il programma più visto su History Channel. Sempre grazie allo show, il banco dei pegni di Harrison raggiunse fino a 5mila visitatori al giorno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.