Navigation

Nazionale punta su numero AVS per il registro fondiario

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2017 - 10:21
(Keystone-ATS)

In futuro verrà impiegato il numero AVS quale identificatore per il registro fondiario informatizzato. Lo ha deciso oggi il Nazionale - con 115 voti contro 69 e 4 astenuti - seguendo le proposte del Consiglio federale.

In prima lettura, la Camera del popolo aveva proposto l'impiego di un nuovo identificatore settoriale utilizzabile esclusivamente in questo ambito la cui gestione sarebbe stata esternalizzata. Gli Stati, confermando l'attribuzione di un numero d'identificazione diverso da quello AVS, avevano deciso che questo andava gestito dall'Autorità federale di alta vigilanza.

Oggi, dopo che la commissione preparatoria ha sentito l'opinione dei Cantoni, il Nazionale è tornato sui propri passi ed ha approvato il ricorso al numero AVS, così come chiesto dal governo. "Il suo utilizzo non è certo esente da rischi, i vantaggi prevalgono però sugli inconvenienti", ha affermato Jean Christophe Schwaab (PS/VD).

Non esiste una banca dati centralizzata che contiene tutti i numeri AVS dell'insieme della popolazione. Questi sono infatti registrati nei cantoni, o addirittura nei singoli comuni. I pirati informatici dovrebbero quindi "frugare" in un innumerevole quantità di siti per giungere ai loro fini, il rischio è dunque sopportabile, ha sostenuto il vodese.

I Verdi, sostenuti dall'UDC, hanno invece chiesto di confermare il ricorso a un identificatore settoriale. Lisa Mazzone (Verdi/GE) ha ricordato che Privatim, la Conferenza degli incaricati svizzeri della protezione dei dati, si è più volte espressa contro il largo ricorso al numero AVS nelle banche dati dell'amministrazione pubblica. Questa pratica facilita la messa in relazione di dati e aumenta il rischio di un loro utilizzo fraudolento, ha sostenuto, invano, la ginevrina.

Il resto del progetto, che conferisce alla Confederazione l'intera responsabilità del registro elettronico dello stato civile, era già stato approvato nelle passate sedute senza discussioni. Uno degli obiettivi è agevolare la gestione, lo sviluppo e l'uso del registro informatizzato Infostar.

Il dossier torna al Consiglio degli Stati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.